Skip to content

I fondamentali del beta

Estratto della Tesi di Daniele Cerqua

Mostra/Nascondi contenuto.
7 Capitolo 2 – I fondamentali contabili “The accounting risk measures can be viewed as surrogates for the total variability of return of a firm's common equity securities.” (Beaver-Kettler-Scholes, 1970) 2.1 Introduzione Nella letteratura finanziaria è dedicato non poco spazio a studi empirici che cercano di definire fattori influenzanti il rischio. Questo è il caso dell’analisi fondamentale che, attraverso un’approfondita analisi del bilancio d’esercizio, si occupa di stabilire il prezzo corretto di un titolo in base alle caratteristiche economico-finanziarie intrinseche della società cui fa riferimento valutandone la solidità patrimoniale e la redditività. Nell’analisi fondamentale, è utile confrontare il valore dei fondamentali della singola impresa con il valore medio dei fondamentali delle imprese dello stesso settore di appartenenza. Questo perché imprese con business differenti hanno caratteristiche differenti: reattività ai cambiamenti di mercato, liquidità per far fronte ai costi futuri, maggiore grado di leva finanziaria per essere competitivi in mercati emergenti, ecc. Lo sviluppo teorico del beta fondamentale, argomentato nel capitolo precedente, nasce dalla necessità di individuare quali fondamentali possono essere concepiti come determinanti del rischio. In tale ambito, assumono rilevanza gli studi (pioniere lo studio di BKS) che si pongono l’obiettivo di spiegare il beta (derivato da stime basate sui i prezzi di mercato dei titoli) attraverso indicatori contabili, cioè tratti dal bilancio, che dovrebbero in linea teorica influenzare il rischio dell’impresa. In questo capitolo sono stati descritti i fondamentali utilizzati da BKS e altri studi per spiegare il legame tra le misure di rischio contabili e il beta di mercato, di seguito vengono elencati riassuntivamente. Il dividend payout ratio, indicatore della percezione di rischio da parte del management; il tasso di sviluppo, indicatore di rischio dei flussi di cassa futuri; il leverage, misura del rischio indotto dalla struttura del capitale; la liquidità, misura del valore dell’attivo privo di rischio; la dimensione, studi empirici hanno riscontrato che la misura della dimensione aziendale è un fattore correlato negativamente al rischio; la volatilità degli utili, è l’analoga misura della volatilità dei rendimenti ma ottenuta mediante dati contabili; il rapporto book-to-market, fattore inversamente proporzionale al grado di efficienza delle decisioni di investimento che massimizzano il valore aziendale; gli anni di quotazione, inteso come il grado di esperienza di un’impresa in un determinato business; il ROE, tasso di rendimento del capitale investito; il beta contabile, fattore equivalente del beta calcolato sui rendimenti di mercato, usando gli utili/perdite contabili; i fondamentali derivati dal RIM, cioè quei fattori che incidono in modo maggiore sul rischio fondamentale (sul e sulla crescita): il margine di profitto, l’indice di efficienza nelle vendite, il leverage operativo, il leverage finanziario, il costo del debito e il tasso di crescita. 2.2 I fondamentali del rischio supposti dai diversi studi Dividend Payout Ratio. Il tasso di payout (meglio ancora la sua variazione) viene considerato in genere come inversamente proporzionale al rischio: un’impresa con maggiore volatilità avrà, a parità di altri fattori, un tasso di payout minore. Questo concetto può essere razionalizzato pensando al modo in cui il management prende la decisione di pagare dividendi: in un ambito di maggiore incertezza futura, i manager saranno ostili a privare l’impresa di disponibilità economiche che potrebbero servire a coprire eventuali perdite. Per tal ragione il dividend payout ratio è visto come indicatore della percezione di rischio da parte del management. Generalmente il tasso di payout è inferiore all’unità in quanto una parte di utili viene reinvestita nel processo produttivo dando luogo al tasso di ritenzione che varierà a seconda della “maturità” del settore di riferimento dell’impresa. , = , ,
Estratto dalla tesi: I fondamentali del beta

Estratto dalla tesi:

I fondamentali del beta

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Daniele Cerqua
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Daniela Venanzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 45

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

capm
rischio d'impresa
beta
decisioni d’investimento
finanza aziendale
modelli di pricing
ottimizzazione di portafoglio
indici contabili
residual income model
costo del capitale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi