Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Patologie del contratto di Leasing

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Angela Trotta Contatta »

Composta da 132 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 111 click dal 20/10/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Angela Trotta

Mostra/Nascondi contenuto.
21 se il soggetto dal quale il primo concedente ha acquistato il bene fosse il fornitore, e come se il contratto in base al quale è stato acquistato il bene, fosse un contratto di fornitura". In sostanza nel sublease l'originario utilizzatore non è il concedente del secondo contratto, ma è il fornitore. Nel nostro ordinamento, nonostante alcuni riconoscimenti della giurisprudenza di merito 24 e la favorevole posizione assunta da una parte della dottrina, molti ostacoli si oppongono al riconoscimento di un sub contratto di leasing, inteso come quello in cui l'utilizzatore concede in locazione finanziaria ad un terzo un bene da lui condotto in leasing. E' stato rilevato, infatti, che un primo e fondamentale ostacolo è costituito dalla qualifica soggettiva che, secondo l'attuale normativa, deve rivestire il concedente. Inoltre, è necessario che il bene, avente carattere strumentale per l'utilizzatore, possa conservare per lui tale carattere anche nel subcontratto, nel senso che il subleasing sia compatibile o rientri nell'oggetto sociale del subconcedente. Il sublease non potrebbe essere concluso senza il consenso della società concedente, stante il divieto contrattuale di sublocare o di consentire a terzi l'uso del bene. Perciò la sostituzione di un terzo all'utilizzatore nel contratto può avvenire soltanto con il consenso della società concedente. In ogni caso l'alternativa, nel caso di sostituzione dell'utilizzatore, è tra cessione del rapporto, che determina la sostituzione del nuovo utilizzatore a quello originario, o locazione del bene condotto in leasing da parte dell'utilizzatore ad un terzo. In entrambe le ipotesi, se la società di leasing non dichiara di liberare l'utilizzatore originario, questi sarà sempre responsabile verso la società concedente per 24 Trib. Milano 30 marzo 1987, in Riv.it. leasing. 1992, p. 539
Estratto dalla tesi: Patologie del contratto di Leasing