Skip to content

Shadow Banking e alternative lending: la liberalizzazione del credito. “A boon and bane for financial system”

Estratto della Tesi di Giuliano Rigatti

Mostra/Nascondi contenuto.
10 giuridica e delle garanzie di controllo pubblico (regulatory arbitrage), dall’altro, ciò può essere ritenuto anche la conseguenza di disfunzioni e ritardi nel processo di regolamentazione, con ovvie implicazioni in termini di responsabilità per le autorità che non riescono a rinnovare le loro practices ed i loro standard, oramai economicamente obsoleti. 2 Origini storiche: Government-Sponsored Enterprises ed il Federal Home Loans Banks Act (1932) – Lo Shadow Banking sponsorizzato dal Governo Nonostante il termine shadow banking sia di recente introduzione, la maggior parte dei suoi componenti erano noti già da tempo 15 . Prima di procedere all’analisi dell’attuale sistema di intermediazione creditizia non bancaria, sarà utile infatti rammentare che lo stesso fenomeno, attualmente sottoposto all’attenzione dei legislatori internazionali e nazionali, affonda le proprie radici e manifesta i suoi primi segnali di esistenza già nel 1930 16 , ossia nel periodo immediatamente successivo al noto Big Crash di Wall Street – anche conosciuto come Black Tuesday -, con la creazione, da parte del Governo americano, delle Government-sponsored enterprises (GSEs) 17 . Queste consistevano di un sistema di istituzioni pubbliche, la Federal Home Loans Banks, posto in essere dalla omonima normativa del 1932, volta a creare le condizioni per finanziare, a condizioni molto convenienti, i cittadini intenzionati ad acquisire proprietà immobiliari 18 . Il contesto era infatti caratterizzato dagli ideali del New Deal, il periodo nel quale il ‘sogno americano’ imponeva che qualunque privato cittadino dovesse esser messo in condizione di poter acquistare una proprietà immobiliare. 15 A. M. AGRESTI, Shadow banking: Some considerations for measurement purposes, Banca Centrale Europea, dicembre 2015. Nel quale si rammenta, ad esempio, che i “contratti pronto contro termine”, una delle operazioni più rilevanti nel contesto dello SBS, sono in uso già dal 1917; ancora, si sottolinea che la prima operazione di cartolarizzazione fu eseguita nel 1970 e che il primo Money Market Mutual Fund (MMMF), intermediario non bancario protagonista del sistema bancario ombra, venne istituito nel 1971. 16 Z. POZSAR, T. ADRIAN, A. ASHCRAFT, H. BOESKY, Shadow Banking, Federal Reserve Bank of New York Staff Reports, Staff Report n. 458, luglio 2010. Consultabile all’indirizzo: . 17 Una Government-sponsored enterprise (GSE) è un intermediario fornitore di servizi finanziari creato dal Congresso americano. La funzione per la quale sono stati istituiti tali intermediari era quella di migliorare il flusso di credito verso settori mirati dell'economia al fine di rendere quel segmento del mercato dei capitali più efficiente e trasparente, e per ridurre il rischio per gli investitori e gli altri fornitori di capitale. 18 D. REISS, The Federal Government’s Implied Guarantee of Fannie Mae and Freddie Mac’s Obligations: Uncle Sam Will Pick Up the Tab, in Ga. L. Rev., 2008, pp. 1028-1030.
Estratto dalla tesi: Shadow Banking e alternative lending: la liberalizzazione del credito. “A boon and bane for financial system”

Estratto dalla tesi:

Shadow Banking e alternative lending: la liberalizzazione del credito. “A boon and bane for financial system”

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giuliano Rigatti
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2016-17
  Università: Università Commerciale Luigi Bocconi di Milano
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Andrea Giannelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 249

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

sistema bancario
ombra
regolamentazione finanziaria
shadow banking
riserva di attività bancaria
106 tub

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi