Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Mercati finanziari: investitori e trappole mentali

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Luigia Barzaghi Contatta »

Composta da 123 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 161 click dal 17/11/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Luigia Barzaghi

Mostra/Nascondi contenuto.
61 Olsen ha anche affermato che le differenze tra gli individui, relativamente alla percezione del rischio negli investimenti, sembrano dipendere in particolar modo da quanto le persone si sentono capaci di gestire le eventuali perdite. 4.3.2 La relazione tra rischio e rendimento atteso Una delle leggi fondamentali della finanza afferma l’esistenza di una relazione positiva tra rischio e rendimento. In altre parole più un investimento è considerato rischioso maggiore è il suo rendimento atteso. Infatti solo la promessa di un premio futuro può convincere i risparmiatori avversi al rischio ad optare per investimento rischioso. Diversi studi di finanza comportamentale però dimostrano che nella mente delle persone la relazione tra rischio e rendimento è quasi sempre negativa: dai titoli considerati più rischiosi ci si aspetta un rendimento inferiore a quello atteso dai titoli meno rischiosi in netta contrapposizione con quanto ipotizzato dalla teoria finanziaria. Le persone si aspettano intuitivamente che all’aumentare dei rischi diminuiscano i benefici, che nel caso di un investimento finanziario sono rappresentati dai rendimenti attesi. Una serie di studi di Shefrin, condotti con tra il 1999 e il 2001 39 , ha dimostrato che anche gli investitori professionisti, soggetti quindi con ampia esperienza, ritengono che a maggiori rischi corrispondano rendimenti inferiori. La spiegazione di questa errata percezione del rapporto rischio-rendimento secondo Shefrin si basa sull’euristica della rappresentatività, cioè sull’eccessiva fiducia riposta negli stereotipi. Di conseguenza molti investitori fanno un’equivalenza di questo tipo: “titoli di aziende famose = titoli che rendono di più”. 39 Shefrin, H.M. (2001), “Do investors expect higher returns from safer stocks than from riskier stocks?, The Journal of Psychology and Financial Markets, Vol. 2, pp. 176-181
Estratto dalla tesi: Mercati finanziari: investitori e trappole mentali