Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La politica economica a Cuba dalla rivoluzione ad oggi: la sconfitta dell’economia pianificata

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Economia

Autore: Iony Nuzzo Contatta »

Composta da 133 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 227 click dal 17/11/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Iony Nuzzo

Mostra/Nascondi contenuto.
19 Ricordiamo, che la crisi, non fu solo un evento di tipo economico, bensì portò e produsse varie e notevoli conseguenze anche in campo politico e sociale. Ecco che, ad un tratto il mondo, soprattutto quello Latino Americano, subisce un notevole cambiamento in senso negativo. Dal punto di vista politico, tutto questo cambiamento sfociò in un isolamento ed interventismo statale, massivo e generale. A seguito di ciò, tutti i paesi generarono politiche di protezionismo 30 applicate alle loro produzioni locali: ognuno proteggeva il proprio orticello 31 . Si evidenziarono forti critiche al sistema del libero mercato, del libero scambio, del benessere economico della collettività ed al concetto del “laissez-faire 32 ”di Vincent de Gourna 33 , storico proto liberista ed avversario del tradizionale centralismo regolamentatore colberista del non intervento dello Stato, stabilendo una nuova teoria che giustificasse l'intervento attivo dello stato per promuovere l'occupazione e la ripresa economica. Praticamente una proposizione del concetto keynesiano 34 , contenuto nel suo lavoro del 1926 “ La fine del laissez-faire”, dove il grande economista propugnava una lezione su cosa si dovesse fare per far prosperare il commercio. Tutto ciò portò inevitabilmente, soprattutto in quei paese in cui il concetto e la tenuta dello stato democratico erano solo “astrattismi” 35 , al discredito delle democrazie parlamentari ed alla recrudescenza dei nazionalismi. Infine, la disoccupazione generò un aumento dei movimenti operai e di malcontento sociale che non fece altro che generare la nascita di partiti politici con base proletaria. 30 Corso di storia - Il secolo XX di Adriano prosperi, Paolo Viola - Einaudi scuola 31 Dal 1848 ai giorni nostri di Augusto Camera, Renato Fabietti - Zanichelli 32 Giorgio Regoli, Mercato, efficienza e benessere- Ed. Studium, Roma 2004 33 Ministro e storico francese del commercio , 1712-1759 34 Jhon Maynard Keyness, economista inglese 35 Julius Evola, Imperialismo Pagano, 4^ediz. Mediterranee, Roma 2004
Estratto dalla tesi: La politica economica a Cuba dalla rivoluzione ad oggi: la sconfitta dell’economia pianificata