Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Retro Branding nel cinema: il caso Star Wars

Laurea liv.I

Facoltà: Interfacoltà di Economia-Lettere e Filosofia

Autore: Victoria Quill Contatta »

Composta da 40 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 106 click dal 21/11/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Victoria Quill

Mostra/Nascondi contenuto.
12 1.3.2 L’avvento del concetto moderno di brand La marca moderna nasce con il consumo di massa. Fino agli inizi del Novecento si configura una domanda di sussistenza, in quanto la fame e la miseria accompagnano intere generazioni. Si prospetta uno scenario in cui il mercato è composto da prodotti anonimi, principalmente commodity 6 , la struttura distributiva del commercio è nella vendita al dettaglio, la domanda è omogenea; e dove il negoziante consiglia personalmente il cliente, lo guida, lo orienta, e lo rassicura. Funge da tramite tra l’azienda produttrice e il consumatore finale, è l’esperto di fiducia che garantisce e rassicura in prima persona. Il brand, fino a questo momento, non parla alla gente, non comunica, non fa pubblicità; è ancora un trademark (marchio), che funge da segno di riconoscimento e identificazione: ma solo per il bottegaio. La competenza in merito agli articoli in vendita è tutta nelle sue mani. Il concetto moderno di brand, che “parla” finalmente con il consumatore, senza intermediari, inizia dopo la rivoluzione industriale. La produzione di massa introduce sul mercato un numero crescente di beni, rendendoli accessibili a strati sempre più vasti della popolazione. Si configura così un nuovo scenario in cui la standardizzazione facilita gli scambi commerciali e la domanda viene stimolata con l’aiuto di strumenti maggiormente persuasivi: le prime forme di pubblicità; le prime forme di packaging; certi personaggi di marca per rendere più familiari le merci. In questo momento si profila la necessità di accattivarsi la clientela, rassicurarla, spiegare i nuovi prodotti industriali, e costruire fiducia. La sopravvivenza delle fabbriche e l’espansione produttiva dipendono dall’assorbimento e dalla richiesta continua di prodotti. In questo modo si compie il passaggio alla produzione in serie, il cui emblema è rappresentato dall’automobile della Ford modello T, rigorosamente uguale a se stesso e nero. È in questo contesto, ovvero di deterioramento inesorabile di un mondo fatto di legami personali diretti e sostituiti da legami nuovi e mediazioni astratte, che affonda le radici l’idea moderna di marca/brand. Fino alla battuta d’arresto dovuta allo scoppio della seconda guerra mondiale. 6 Locuzione anglosassone che descrive ogni tipo di merce o materia prima tangibile e fruibile sul mercato, facilmente immagazzinabile e conservabile nel tempo. Deriva dal francese commodité, con il significato di ottenibile comodamente (http://www.treccani.it)
Estratto dalla tesi: Il Retro Branding nel cinema: il caso Star Wars