Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Microcredito: Teoria, Impatto Sociale ed Evidenze Sperimentali

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Nicola Primieri Contatta »

Composta da 55 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 285 click dal 21/11/2017.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Nicola Primieri

Mostra/Nascondi contenuto.
10 preteso il deposito di risparmio, che non può essere utilizzato finché si rimane nel gruppo, ma viene restituito solo nel momento in cui un membro lascia il gruppo. Le risorse utili a erogare il microcredito sono assegnate e gestite da istituzioni finanziarie che a loro volta ricevono fondi a titolo di dono o di prestito da istituzioni internazionali o banche commerciali. Data la necessità di garantire la sostenibilità del sistema, solitamente i tassi d’interesse applicati sono abbastanza alti. I costi di gestione invece sono molto bassi grazie a procedure standardizzate e semplici, al limitato coinvolgimento degli agenti di credito, poiché è il gruppo stesso che vigila sulle procedure di erogazione e rimborso, alla solidarietà tra i membri del gruppo nel risolvere i problemi legati all’insolvibilità del singolo membro e alla capacità del gruppo stesso di esercitare una pressione sociale su chi non rispetta le regole (peer pressure). Un altro importante modello di credito basato sul gruppo con meccanismi associativi e mutualistici è il modello dei self help groups (SHG), che in India hanno una forma particolare che li distingue da altri gruppi di auto-aiuto diffusi soprattutto nel continente asiatico. A differenza di altri modelli di microcredito di gruppo, gli SHG sono legati al settore del credito formale (istituzioni di microfinanza, IMF e banche). Solitamente gli SHG sono sostenuti da organizzazioni non governative (ONG) con l’obiettivo di sostenere percorsi di lotta alla povertà, emancipazione femminile e più in generale contribuire al miglioramento della qualità della vita delle persone più povere. I gruppi di auto- aiuto nel modello indiano sono formati da circa venti persone unite per condividere un percorso mirato a far fronte a necessità comuni; i membri apportano in maniera spontanea i propri risparmi con cadenza regolare e con queste risorse accumulate vengono concessi piccoli prestiti agli altri membri e si pagano modesti interessi ai prestatori. Questo meccanismo permette di creare tra i membri del gruppo una disciplina finanziaria e una storia creditizia che ha di fatto reso questo sistema molto appetibile alle banche, che hanno così iniziato
Estratto dalla tesi: Il Microcredito: Teoria, Impatto Sociale ed Evidenze Sperimentali