Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le adozioni nel diritto di famiglia: Profilo giuridico-fiscale, commerciale.

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Marianna Petrotta Contatta »

Composta da 37 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 66 click dal 24/11/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Marianna Petrotta

Mostra/Nascondi contenuto.
o che dispongono l'affidamento contemplato dall'articolo 4 della legge n. 184/83, non statuiscono in via decisoria e definitiva su dette posizione, data la loro revocabilità e modificabilità Cassazione Sezioni Unite, n. 6220/1986. Accade sia nei casi di minori affidati temporaneamente sia di minori affidati e poi adottati che i genitori naturali, anche se esclusi direttamente da ogni compito educativo nei confronti del minore, fra questi la famiglia adottiva. Il fondamento va trovato nell'amministrazione di sostegno che è un istituto che, può essere accolto come una positiva novità applicabile al mondo dei disabili e degli incapaci. Dal complesso impianto della legge emerge un maggior rispetto per le persone incapaci, trattate alla stregua di esseri umani agenti e titolari di diritti. Il legislatore sembra aver compreso in teoria, nella pratica bisognerà attendere le prime applicazioni del recente istituto per valutarne le utilità effettive, che l'individuo affetto da handicap merita rispetto, ed è dotato di potenzialità da cui non deve sempre e necessariamente essere tutelato, ma che possono essere un elemento che va sviluppato in funzione della sua crescita personale. Non ha valore per i procedimenti relativi all'amministrazione di sostegno, la sospensione feriale del termine processuali. L'istituto delle amministrazioni di sostegno tende a coinvolgere il beneficiario e non solo a limitarlo, permettendogli di dialogare con il suo tutelante, che ha l'obbligo di tener conto delle necessità e dei desideri dell'incapace, contribuendo alla gestione dei suoi interessi e responsabilizzandolo ove la menomazione psichica consenta di cogliere il concetto in sé. Questo consente che alle persone disabili, sia permesso di agire autonomamente per soddisfare le proprie esigente quotidiane detta autogestione. Altra disposizione importante ai fini della qualità esistenziale, in modo che il portatore di handicap possa vivere. 13
Estratto dalla tesi:       Le adozioni nel diritto di famiglia: Profilo giuridico-fiscale, commerciale.