Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Modello di Business, Performance Aziendali e Posizione di SpaceX all’interno del ‘Sistema Musk’ e nel Mercato Aereospaziale

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Riccardo Cecchini Contatta »

Composta da 133 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 580 click dal 29/11/2017.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Riccardo Cecchini

Mostra/Nascondi contenuto.
15 Nel Luglio 2006 la Tesla Motors presenta il suo primo veicolo elettrico: la Tesla Roadster, riuscendo a vincere numerosi premi tra cui il Global Green Product Design e l’anno successivo anche il premio Index Design 8 . Con una produzione che si aggira attorno ai 2000 esemplari, questo modello ha permesso all’azienda di rivoluzionare il concetto di auto elettrica, prima concepita come qualcosa di lento e poco applicabile all’industria automobilistica, mentre grazie alla Ricerca & Sviluppo di Tesla è in seguito divenuto un mezzo altamente performante e competitivo. L’auto ha un’autonomia di 340 km, un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 3,7 secondi e può raggiungere i 201 km/h, di fatto comparabile ad una normale auto a combustibile fossile. La domanda è stata fin da subito molto alta per le prime cento unità prodotte (Signature One Hundred), tanto da essere prenotati tutti gli esemplari in meno di tre settimane. La produzione è stata avviata ufficialmente il 18 marzo 2008, per poi essere interrotta nel gennaio 2012. Il modello Roadster è stato il modello “apripista” per la compagnia poiché fu necessario creare un modello Roadster accattivante (la produzione si fermerà alla fine del 2011, in concomitanza con la scadenza del contratto stipulato con Lotus Cars per la fornitura di 2.500 telai la cui linea e il design ricorda molto quello della Lotus Elise) e dall’alto prezzo (100.000 dollari) per poter, successivamente, avviare lo sviluppo di un modello Sedan che attirasse la clientela per utilità e maggiormente alla portata dell’utenza, la Model S 9 . Nel 2006, Elon Musk finanzia la Tesla Motors con ulteriori 13 milioni di dollari, unitamente ai finanziamenti di altri investitori esterni, tra cui Sergey Brin e Larry Page (fondatori di Google), Jeff Skoll (presidente di eBay) e la The Bay Area Equity Fund controllata da JP Morgan Chase. Negli anni successivi, si susseguiranno altri numerosi importanti finanziamenti, sia da parte di finanziatori privati, sia da parte di Elon Musk, tanto da arrivare ad una quota (seppur ancora in crescita) di oltre 100 milioni di dollari. Nel 2009 Tesla riceve 465 milioni di dollari dal Dipartimento per l’Energia degli Stati Uniti, riguardanti fondi stanziati dal governo Americano per il programma di finanziamento di veicoli tecnologicamente avanzati. Tramite questo fondo, Tesla ha potuto iniziare la progettazione e la produzione della Tesla Model S. Il prestito governativo fu in seguito (nel 2013) ripagato da Tesla con nove anni di anticipo rispetto al piano di rimborso stillato al 8 Informazione premio Global Green Product Design illustrata e tradotta dal sito ufficiale Tesla (in inglese): https://www.tesla.com/blog/tesla-motors-receives-environmental-leadership-award-global-green-usa 9 Informazioni tratte da Wikipedia: https://it.wikipedia.org/wiki/Tesla_(azienda)
Estratto dalla tesi: Modello di Business, Performance Aziendali e Posizione di SpaceX all’interno del ‘Sistema Musk’ e nel Mercato Aereospaziale