Skip to content

COMMUNICATION STRATEGIES WITHIN UNITED NATIONS - The case of the Office of the Special Representative of the Secretary-General for Children and Armed Conflict on child soldiers

Estratto della Tesi di Pietro Licini

Mostra/Nascondi contenuto.
16 recruited, initially as reserve troops and afterwards as regular combatants. The Berlin battle of 1940 was the occasion for many of these boys to participate directly to hostilities. Children from sixteen to eighteen years old started to fight the Soviet, British and American troops with guns and grenades. Sixty five percent of the infamous 12 th SS Division Hitlerjungen, established towards the end of the conflict, was composed of children under age eighteen, and only the three percent of the fighters were older than twenty-five. 41 The more Germany approached the final defeat, the more young children were involved in battles. As the Nazi command was desperately looking for new blood during the last months of the war, Adolf Hitler established the Volkssturm (‘People’s Storm’, or ‘Home Guard’), a national militia that officially aimed to conscript every German male from sixteen to sixty years old. 42 Despite this age limit, Russian and British soldiers afterwards reported that many children as young as twelve had also been recruited for fighting. In Japan, worried by a possible invasion by the Allies forces, Japanese military authorities recruited under eighteen children as last-ditch weapon, including underage kamikaze. 43 The Japanese Imperial Army mobilized students aged fourteen-seventeen years in Okinawa island for the Battle of Okinawa 44 ; between 1400-1800 Tekketsu Kinnotai (Iron and Blood Imperial Corps) joined the battle, and more than the half died. 45 In Italy, the Fascist Government of Mussolini never recruited children below eighteen years of age before 1943. However, after the birth of the Nazi-led Italian Social Republic in Salò, many underage boys joined the RSI military formations. 46 Once again, with the defeat at the horizon, the regimes’ principles were suddenly forgotten, and children were used as a desperate measure of last resort. On the Allies’ side, children have been recruited and used by the United Kingdom 41 J. Latimer, World War II: 12th SS Hitlerjugend Panzer Division Fought in Normandy, in ‘World War II” July 2001, Weider History Group, Virginia, 2001. 42 Encyclopedia Britannica, The German offensive in the west, winter 1944–4. Retrieved from: https://www.britannica.com/event/World-War-II/Developments-from-summer-1944-to-autumn- 1945#toc53597. 43 L. D. Eigen, Child soldiers are unfortunately nothing new, November 2009. Retreieved from: https://scriptamus.wordpress.com/2009/11/02/child-soldiers-are-unfortunately-nothing-new/ 45 G. McCormack, S. O. Norimatsu, Resistant Islands: Okinawa confronts Japan and the United States, Rowman & Littlefield, Lanham, Maryland, 1949, p. 23. 46 For biased but thorough works on the matter, see C. Mazzantini, I Balilla andarono a Salò, Venezia, Marsilio, 2006, and B. Bollati, Un ragazzo di Salò, Milano, Mursia, 1998.
Estratto dalla tesi: COMMUNICATION STRATEGIES WITHIN UNITED NATIONS - The case of the Office of the Special Representative of the Secretary-General for Children and Armed Conflict on child soldiers

Informazioni tesi

  Autore: Pietro Licini
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Bergamo
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Editoria, comunicazione multimediale e giornalismo
  Relatore: Flaminia Nicora
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 127

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

nazioni unite
comunicazione sociale
united nations
bambini soldato
child soldiers
kofi annan
leila zerrougui
antonio guterres
ban ki-moon
special representative

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi