Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Italo Calvino lettore dell'Ariosto

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere

Autore: Federica Girardi Contatta »

Composta da 82 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 145 click dal 04/12/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Federica Girardi

Mostra/Nascondi contenuto.
13 erano stati dotati di una gamba di compasso la quale gli avrebbe permesso di muoversi più agevolmente. 2 Nonostante Calvino descriva tali immagini con grande semplicità, è sbagliato pensare alla comicità come un elemento in balìa della fantasia. La comicità calviniana è articolata e nettamente scissa all'umorismo; come spiega Bruno Falcetto nel saggio Sorriso, riso, smorfia. Il comico nello stile di Calvino, la comicità è spesso utilizzata per descrivere le fisionomie dei personaggi che generano un'immediata risata in chi legge, a differenza l'umorismo con la sua leggerezza è la chiave di lettura del mondo, volta a smascherare le ambiguità del reale. 3 Dunque, ciò che genera ilarità nel lettore è un ulteriore aspetto della comicità: il grottesco, il quale deforma l'aspetto e la condizione del personaggio. E' opportuno ricordare i numerosi escamotages linguistici utilizzati da Italo Calvino nella sua comicità: dall'uso di registri linguistici diversi che variano tra i personaggi a seconda della loro estrazione sociale o condizione umana, nella trilogia de I nostri antenati tale diversità sarà lampante agli occhi del lettore il quale si ritroverà da una parte a confrontarsi con protagonisti di rango sociale elevato - baroni, visconti e cavalieri - e dall'altra con personaggi appartenenti al popolo - il personaggio di Pamela ne Il visconte dimezzato ne è un esempio - ; alla descrizione della figura umana attraverso similitudini bizzarre, pensiamo a quella di Gian Dei Brughi ne Il barone rampante tutta incentrata sul mondo arboreo, o alla scelta di un'onomastica ironica della quale il cavaliere Agilulfo ne è dimostrazione. 2 Italo Calvino, Il visconte dimezzato, Cles (TN), Oscar Mondadori, 2009, p. 87 3 Bruno Falcetto, Sorriso, riso, smorfia. Il comico nello stile di Calvino, in Calvino & il comico, a cura di Luca Clerici e Bruno Falcetto, Milano, Marcos Y Marcos, 1994, p. 44
Estratto dalla tesi: Italo Calvino lettore dell'Ariosto