Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Crisi Libica: Dall'Intervento Ad Oggi

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Iacopo Brugnoli Contatta »

Composta da 54 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 187 click dal 11/12/2017.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Iacopo Brugnoli

Mostra/Nascondi contenuto.
12 diffusero: sui luoghi di lavoro, nelle forze armate, finanche nel sistema giudiziario dove si arrivò persino all’istituzione di Corti rivoluzionarie. Inizialmente la funzione di questi organi consisteva nell’impedire comportamenti contrari alla realizzazione della Jamahiriya e alla proliferazione di ideologie differenti da quella ufficiale. Negli anni successivi il loro potere aumentò esponenzialmente diventando una vera e propria milizia ideologica di repressione al diretto comando del Qāʾid 26 , fondamento di quello stato informale che si sarebbe consolidato nel corso degli anni. Malgrado le migliori intenzioni i risultati attesi non furono mai raggiunti del tutto, in quanto seppur realizzata la soppressione dei corpi intermedi auspicata da Gheddafi 27 , nella realtà la Libia si trasformò in quella che Vandewalle definì come “Stateless Society 28 ”, ossia una società completamente svuotata della sua essenza. In questo contesto le evidenti problematiche del Regno Unito di Libia riemersero amplificate; i comitati non solo non riuscirono ad abbattere i rapporti tradizionali, basati su alleanze tribali e familiari, ma si trasformarono a loro volta in riunioni intertribali creando una sorta di sistema multipartitico di stampo occidentale 29 ; situazione consolidata in particolar modo dopo l’eliminazione dell’unico partito legale che pose definitivamente fine alle speranze di chi ancora auspicava una partecipazione alla politica del paese. Di conseguenza anche il governo centrale sviluppò un apparato militare tribale basato sulla fedeltà al Raʾīs, il quale servendosi della strategia del divide et impera riuscì ad assicurare la sopravvivenza del regime. Tuttavia la reale forza del regime fu perennemente garantita dalle rendite petrolifere, che assicurarono ingenti afflussi alle casse dello stato e ingigantirono la struttura burocratica nazionale trasformando gran parte dei libici in rent takers 30 . 26 Mattia TOALDO, op cit., pp. 30-32. 27 Si fa riferimento a quei provvedimenti che ebbero come effetto la sottomissione degli studiosi religiosi, l’eliminazione degli oppositori politici, dei partiti e di tutte le possibili tipologie di associazionismo. 28 Dirk VANDEWALLE, Storia della Libia contemporanea, Salerno, Roma 2007, cap. V, «La società senza stato del Libro verde». 29 http://www.limesonline.com/il-libro-verde-tra-finzione-e-realta/21052 30 Matteo VILLA, op. cit., p. 71.
Estratto dalla tesi: La Crisi Libica: Dall'Intervento Ad Oggi