Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Rinforzo di un telaio in calcestruzzo armato con FRP

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Matteo Coccato Contatta »

Composta da 105 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 240 click dal 14/12/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Matteo Coccato

Mostra/Nascondi contenuto.
20 rinforzo e si propaga longitudinalmente verso l’interno della trave. Durante tale fenomeno si osserva la formazione di fessure inclinate o orizzontali in corrispondenza del copriferro, che ne causano la separazione dal resto della trave, mentre rimane saldamente attaccato al rinforzo. Gli sforzi responsabili di questo distacco sono dovuti alla distanza che separa, secondo la direzione longitudinale della trave, il punto a momento nullo e la sezione terminale del rinforzo; la sezione terminale del rinforzo risulta non essere sollecitata a momento, mentre alla stessa ascissa sulla trave agisce un momento flettente con valore non nullo: la deformazione assiale del rinforzo, essendo questo aderente alla trave, passa da un valore nullo alla estremità del rinforzo stesso ad un valore prossimo a quello del calcestruzzo in una distanza relativamente breve. Abbiamo quindi che, in un tratto di dimensioni limitate a partire dalla sezione terminale del rinforzo, si ha un notevole gradiente di sforzo; per ottenere l’equilibrio sono allora necessari alti valori di sforzo tangenziale nell’interfaccia, che vengono trasmessi dalla lamina/tessuto allo strato di copriferro adiacente attraverso l’adesivo. Dobbiamo anche osservare che alla condizione di momento nullo alla sezione di estremità del rinforzo corrisponde una curvatura nulla; tuttavia, nella sezione di calcestruzzo corrispondente, la curvatura è diversa da zero, pertanto, affinché nel rinforzo si abbia effettivamente curvatura nulla, la parte terminale di quest’ultimo deve inflettersi allontanandosi dalla superficie della trave. Si può quindi affermare che, in corrispondenza della sezione terminale del rinforzo, si genera una concentrazione di sforzi normali e di taglio nel copriferro che causano una fessurazione progressiva e un distacco del copriferro attaccato al rinforzo, con conseguente perdita di efficacia del sistema. • Distacco causato da fessure per flessione Le fessure trasversali nel calcestruzzo teso creano discontinuità nel supporto che generano tensioni nell’interfaccia calcestruzzo-FRP innescando quindi il distacco completo o parziale del rinforzo. Distacco a partire da fessure trasversali nel calcestruzzo
Estratto dalla tesi: Rinforzo di un telaio in calcestruzzo armato con FRP