Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'Unione Europea in crisi esistenziale? Come uscirne.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Miriana Savoca Contatta »

Composta da 72 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2676 click dal 19/12/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Miriana Savoca

Mostra/Nascondi contenuto.
34 CAPITOLO 2 – L’intervento istituzionale: il ruolo della Commissione nella gestione della crisi Abbiamo visto che nel corso della sua storia l’Unione Europea è sempre stata in grado di sfruttare i momenti di crisi come momenti di espansione del progetto di integrazione. Tuttavia, a differenza degli scorsi decenni, quella attuale è risultata essere una crisi senza precedenti. Essa è stata definita come una crisi esistenziale durante il discorso sullo Stato dell’Unione 29 del 15 settembre 2016, i cui problemi fondamentali risultano essere, tra gli altri, la poca intesa tra gli Stati membri, disposti a collaborare sempre in meno settori, la mancanza di visione comune dei leader politici, la disoccupazione, la diseguaglianza sociale, il debito pubblico e la crisi dei rifugiati. Il discorso sullo Stato dell’Unione ha tracciato un percorso di azioni volto a dare vita ad una “Europa migliore” di cui la Commissione europea è stata fino ad ora protagonista. Il percorso è culminato nella pubblicazione di un «Libro bianco sul futuro dell’Europa» in occasione dell’anniversario dei sessant’anni dalla firma dei Trattati di Roma del 1957. Il presidente della Commissione Jean-Claude Juncker ha presentato il documento al Parlamento Europeo il 1° marzo 2017; esso ha l’obiettivo di tracciare la possibile evoluzione dell’UE fino al 2025 in un’Unione a 27 post Brexit, attraverso la presentazione di cinque scenari possibili sul futuro dell’integrazione, tra i quali gli stessi Stati membri dovranno scegliere. Gli scenari rappresentano delle alternative: segnano l’inizio e non la fine del 29 È stato presentato dal presidente della Commissione Jean-Claude Juncker al Parlamento Europeo.
Estratto dalla tesi: L'Unione Europea in crisi esistenziale? Come uscirne.