Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le decisioni di investimento nell'ottica della finanza comportamentale

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Umberto Marcoccia Contatta »

Composta da 83 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1169 click dal 22/12/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Umberto Marcoccia

Mostra/Nascondi contenuto.
21 2.2.1 Iperottimismo e overconfidence L’iperottimismo consiste in una visione molto ottimistica della possibilità di esiti favorevoli, sottostimando i risultati sfavorevoli, mentre l’overconfidence rappresenta l’eccessiva sicurezza che un soggetto ripone in se stesso. L’investitore iperottimista è portato a sovrastimare le performance di un titolo, quando sarebbe più appropriato valutare i rendimenti, facendo riferimento al rischio dell’investimento considerato. L’investitore overconfidence, invece, confida eccessivamente nelle proprie abilità-conoscenza, ma spesso si tratta di un’errata percezione in grado di coinvolgere soggetti informati e competenti, che commettono un errore causato dall’eccessiva confidenza. In finanza l’eccessivo ottimismo può portare a sovrastimare le probabilità di successo e a sottostimare i rischi: l’overconfidence, quindi, si manifesta quando ci si confronta con situazioni e strumenti conosciuti, generando iperottimismo e, di conseguenza, pensando di poter facilmente prevedere ciò che accadrà. Tutto ciò è dimostrato dagli “esperimenti condotti sugli esperti in vari campi, compresi gli analisti finanziari, per professione abituati a formulare previsioni in un ambito che conoscono in maniera approfondita: uno studio pubblicato su McKinsey Quarterly, su un periodo di 25 anni, ha dimostrato che solo in rarissime circostanze gli utili per azione effettivamente realizzati sono risultati più alti degli utili per azione da loro previsti” (12) . Nel mondo delle imprese l’overconfidence spinge gli imprenditori ad investire le loro risorse quasi esclusivamente nell’impresa che governano, non considerando ugualmente remunerativa la possibilità di diversificare in investimenti alternativi. I due fenomeni di iperottimismo e overconfidence sono distinti tra loro, anche se non è esclusa la possibilità che si presentino (12) www.financialounge.com
Estratto dalla tesi: Le decisioni di investimento nell'ottica della finanza comportamentale