Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Storia delle principali e più rappresentative associazioni di categoria italiane

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Daniele Passarotti Contatta »

Composta da 51 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 185 click dal 22/12/2017.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Daniele Passarotti

Mostra/Nascondi contenuto.
supremo di quanto veniva svolto dalla fraglia, rappresentava in un certo qual modo una specie di presidente onorario e probiviro. La convocazione del capitolo, o assemblea plenaria, veniva effettuata almeno una volta all'anno, tale incontro risultava essere vincolante per tutti gli appartenenti alla fraglia, infatti nel caso qualcuno non ci avesse preso parte senza un giustificato motivo, sarebbe stato punito con multe di elevato importo. L'ammissione ad una fraglia non era cosa scontata e non tutti gli appartenenti ad una categoria erano iscritti alla fraglia di riferimento, questo perchè associarsi aveva degli elevati costi di iscrizione e prima di venire accettati si doveva presentare un attestato della propria parrocchia di nascita da cui risultassero le doti morali del commerciante/artigiano. Oltre a questo documento si doveva anche riuscire a mostrare che si aveva svolto un adeguato percorso formativo nell'arte in oggetto. La figura del maestro era molto importante all'interno della corporazione in quanto era un titolo che veniva destinato agli agli imprenditori che dimostravano di possedere grandi doti tecniche. Per diventare maestro era necessario svolgere un lungo periodo di apprendistato in cui l'allievo lavorava assieme a un maestro. Tale periodo di formazione era regolamentato da rigide direttive e l'accesso allo stesso aveva diversi vincoli e necessitava del notaio che attestasse la provenienza dell'allievo. L'allievo durante questo periodo doveva pagare una quota al maestro. Il questo modo il formatore aveva anche di della manodopera a costo zero; al termine del periodo di formazione l'apprendista per diventare a tutti gli effetti maestro doveva superare un esame sotto gli occhi attenti di altri maestri. In un ottica di sussidiarietà, di previdenza e assistenza all'interno delle corporazioni esisteva un forte senso di solidarietà infatti nel caso in cui qualcuno dei suoi membri si fosse ammalato o ferito gli altri membri erogavano dei contributi alla sua famiglia. Per quanto riguardava il rapporto tra donne e corporazioni, tale relazione non è mai stata 11
Estratto dalla tesi: Storia delle principali e più rappresentative associazioni di categoria italiane