Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Espansione ed originalità del turismo crocieristico: le nuove realtà dei resorts galleggianti

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue straniere per la comunicazione internazionale

Autore: Giulia Bonamin Contatta »

Composta da 71 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 173 click dal 10/01/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Giulia Bonamin

Mostra/Nascondi contenuto.
Nel Seicento i mari freddi lasciarono gradualmente posto a quelle località dove veniva riconosciuta la funzione benefica dell’aria di mare e del sole e verso il 1920-1930 prese piede il mito dell’abbronzatura oltre al bagno come momento di svago per tutti i ceti sociali. Lo sviluppo del turismo montano era agevolato dalla volontà di artisti, poeti, letterati e scienziati di osservare e studiare le montagne oltre che dai primi amanti delle scalate. Si diffusero numerosi associazioni, come l’Alpine club inglese del 1857, che avevano a cuore il paesaggio montano e lo rendevano una meta attraente ed affascinante. Tra i turisti vi erano chi cercava l’avventura ed aveva la passione per lo sport e chi invece cercava relax ed approfittava dell’aria pura di montagna. Tra le prime località interessate a diffondere questo tipo di turismo vi erano la Svizzera che è passata dall’offrire sistemazioni piuttosto umili, alla creazione di lussuosi alberghi in grado di proporre anche tutti quei servizi ricercati dalla clientela inglese che era predominante. Il successo di questo tipo di turismo trovò le basi anche nella diffusione di sport sulla neve e nella salubrità del clima asciutto: Sestrière negli anni venti acquistava fama come zona sciistica. - Turismo di massa Dal secondo dopoguerra agli inizi dell’epoca neoindustriale si verificò un incremento ed un’articolazione dell’offerta dovuti anche alla nascita di una nuova classe sociale, la media borghesia: aumentarono gli hotel, le strutture ricettive e gli alberghi. Come conseguenza di quest’aspetto vi fu un incremento ed una diversificazione dei posti di lavoro e di strutture dedicate al turismo e si sottolineò l’ampiezza del fenomeno turistico come fatto sociale 12 . È in questa fase che il turismo si aprì a tutte le classi sociali grazie 12 LOZATO-GIOTART J.P., Geografia del turismo, HOEPLI, Milano, 2012, pag XVIII 8
Estratto dalla tesi: Espansione ed originalità del turismo crocieristico: le nuove realtà dei resorts galleggianti