Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

LA CRISI EUROPEA DEL MEDITERRANEO: Gli Interventi Militari

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Giuseppe Stuppiello Contatta »

Composta da 175 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 98 click dal 08/02/2018.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Giuseppe Stuppiello

Mostra/Nascondi contenuto.
su un pilastro culturale, sociale ed umano. I paesi della sponda meridionale del Mediterraneo accettavano di cooperare alla riduzione delle pressioni migratorie e alla lotta all'immigrazione illegale in cambio dell'impegno da parte dei paesi dell'Unione Europea a fornire aiuti allo sviluppo e alla formazione ed inoltre a garantire il rispetto di tutti i diritti riconosciuti ai migranti legalmente residenti nei rispettivi territori. Presente soprattutto nel terzo pilastro, si conveniva sulla necessità di accrescere la cooperazione tra le due sponde del Mediterraneo per ridurre le pressioni migratorie e accentuare la lotta contro l'immigrazione illegale e nel contempo, garantire la piena tutela dei diritti previsti per gli immigrati legalmente residenti sul territorio comunitario. I paesi di invio non si trovavano più nella posizione di poter negoziare i trasferimenti di forza lavoro con gli stati di accoglienza europei, essi spostarono la propria attenzione sui problemi della migrazione di ritorno, dello status e del trattamento dei migranti e delle loro famiglie nei paesi di accoglienza 14 . Nel 1996 l’Italia decide di operare una riforma complessiva della legislazione migratoria italiana 15 per entrare a pieno titolo nell'accordo di Schengen, coordinando le proprie politiche di controllo migratorio con quelle messe in atto dagli altri stati firmatari. La legge 40/1998, nota anche come Turco-Napolitano, rappresenta il tentativo piú organico e piú ambizioso di ristrutturare sistematicamente la legislazione migratoria italiana, rendendo possibile sia l'allontanamento immediato degli stranieri intercettati nel corso di un ingresso clandestino (il c.d. respingimento da parte dei questori), sia il trattenimento in appositi centri per stranieri da espellere 16 . La legge inoltre introduce la possibilitá di coinvolgere gli stati d'origine 14 Simone Paoli, Le relazioni migratorie euromediterranee: una cronologia commentata (1945-1995) - Università di Padova. 09 Settembre 2014, pag. 14. 15 Legge 40/1998, nota anche come Turco-Napolitano. La legge 6/03/98 n. 40 guarda in modo particolare all'integrazione sociale e ai diritti- doveri degli stranieri, facendo emergere la consapevolezza nella società contemporanea che non s può più evitare questa realtà e che bisogna cercare nuovi strumenti per costruire un dialogo con le altre culture. 16 A. Colombo, G. Sciortino, Gli immigrati in Italia. Assimilati o esclusi: gli immigrati, gli italiani, le politiche, Il Mulino 2004, pp. 53-59
Estratto dalla tesi: LA CRISI EUROPEA DEL MEDITERRANEO: Gli Interventi Militari