Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Strategie di comunicazione e marketing per Montalcino e il suo Brunello

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Ilaria Martini Contatta »

Composta da 320 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 291 click dal 15/01/2018.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Ilaria Martini

Mostra/Nascondi contenuto.
20 sul livello dell’augmented product, soprattutto in un mercato in cui quasi tutte le aziende si equivalgono da un punto di vista dell’expected product 3 . Ciò significa che oggi tutte le aziende di qualità sono in grado di soddisfare le aspettative dei consuma- tori e il fattore che distingue la proposta sul mercato da quella degli altri competitor è il valore associato al prodotto. Il concetto di marca si sviluppa in un contesto di marketing basato su impresa e prodotto. La letteratura offre molteplici definizioni di brand, ciascuna delle quali mette in evidenza un aspetto caratterizzante. Data la poliedricità del concetto ogni definizione, presa singolarmente, risulterebbe incompleta. È quindi necessario adottare più riferimenti per formulare un quadro completo. Nel 1960 l’American Marketing Association definisce il brand come «un nome, un termine, un disegno, un simbolo o qualun- que altra caratteristica che ha lo scopo di identificare il bene o il servizio di un venditore e di distinguerli da quelli degli altri venditori» 4 . Aaker ugualmente afferma che «la marca è un nome o un simbolo distintivo che serve ad identificare i beni o i 3. Secondo la teoria five product levels i livelli di prodotto sono: core benefit (il biso- gno che i consumatori soddisfano attraverso il prodotto), generic product (la versione basilare del prodotto senza i suoi attributi distintivi), l’expected product (caratteristi- che che i consumatori si aspettano di ritrovare nel prodotto) l’augmented product (i benefici che distinguono il prodotto dalla concorrenza) e il potential product (trasfor- mazioni che il prodotto potrebbe subire nel tempo). Fonte: Kotler P., Keller K.L., Marketing management 14/e, Pearson, 2011, pp. 326-353 4. «A Brand is a name, term, design, symbol, or any other feature that identifies one seller’s good or service as distinct from those of other sellers» cit. in Keller K.L., Busacca B.M., Ostillio M.C., La gestione del brand. Strategie e sviluppo, Egea, 2005, p. 2. L’AMA (American Marketing Association), è un’associazione statunitense che riunisce i professionisti che operano nel marketing.
Estratto dalla tesi: Strategie di comunicazione e marketing per Montalcino e il suo Brunello