Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Applicazioni forensi della datazione al carbonio 14 tramite AMS

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze e Tecnologie

Autore: Gaetano Rizza Contatta »

Composta da 93 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 35 click dal 22/01/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Gaetano Rizza

Mostra/Nascondi contenuto.
15 Capitolo 2 Datazione tramite il carbonio 14 2.1 il cronometro 14 C A causa della sua genesi e del suo ciclo biologico, il carbonio, ed in particolare la misura della abbondanza relativa dei suoi isotopi, consente di datare con elevata precisione un reperto di natura organica. Sul carbonio, infatti, si basano i processi metabolici di tutti gli organismi viventi nell’ecosistema terrestre e fintanto che essi continuano a vivere, la composizione isotopica del carbonio nei loro organismi, rimane perfettamente bilanciata a quella della CO 2 atmosferica che respirano o che utilizzano per la fotosintesi. Tale rapporto isotopico è originato da una reazione nucleare di scambio carica, a cui dà luogo l’isotopo 14 N dell’azoto atmosferico, interagendo con i neutroni secondari generati dai raggi cosmici, che colpiscono la stratosfera terrestre alle alte latitudini. Il carbonio così formatosi, legandosi all’ossigeno atmosferico, forma una molecola di CO 2 , che, come dimostrato da studi su grande scala della circolazione atmosferica, si miscela completamente, nell’arco di circa dieci anni, con quella contenente gli altri isotopi del carbonio, rendendo così indipendenti da latitudine longitudine ed altitudine i rapporti tra di essi. Il bilancio tra le reazioni di produzione e di decadimento radioattivo del 14 C, ha raggiunto l’equilibrio dopo alcuni millenni dalla formazione dell’atmosfera terrestre e, supponendo che il tasso di produzione non abbia subito variazioni nel tempo, si può considerare che i rapporti tra gli isotopi di carbonio presenti nella CO 2 atmosferica siano costanti da almeno alcune centinaia di migliaia di anni. Infatti se si suppone costante il numero S di nuclei di 14 C, che si producono in ogni secondo, allora la loro variazione N(t) è data da: `4 `a bTc d e fe  g h i j0T h i a k (11) Che diviene costante per tempi molto maggiori del reciproco della costante di decadimento c d del radionuclide. Il carbonio presente negli organismi viventi, è caratterizzato da rapporti isotopici costanti, per il continuo scambio con la CO 2 atmosferica; alla morte biologica
Estratto dalla tesi: Applicazioni forensi della datazione al carbonio 14 tramite AMS