Skip to content

Roma 1849. La Costituzione della Repubblica

Estratto della Tesi di Simone Antonelli

Mostra/Nascondi contenuto.
15 inevitabile che la “Primavera dei Popoli” vedesse come protagonisti alcuni di questi. Le prime di- mostrazioni avvennero a Vienna nel marzo del 1848, i cittadini si mobilitarono contro il governo per chiedere le riforme. Queste proteste portarono addirittura alle dimissioni di Metternich. La rivo- luzione più feroce dell’Impero avvenne in Ungheria, dove Lajos Kossuth 28 riuscì a convincere la Dieta di Pozsony (l’attuale Bratislava), ad appoggiare la richiesta di autonomia dell’Ungheria all’interno dell’Impero. Nell’ottobre del Quarantotto l’esercito ungherese arrivò fino alle porte di Vienna. A quel punto gli austriaci dovettero accettare l’umiliante aiuto dello zar Nicola I, che pene- trò dai Principati danubiani in Ungheria, e insieme ai reparti croati di Josip Jelačić, sconfisse l’esercito ungherese. Una riflessione in più sulla questione magiara è opportuna per definire un altro limite delle rivoluzioni del 1848. Uno dei motivi per cui la rivoluzione di Kossuth fallì fu, senza dubbio, il mancato riconoscimento dei diritti delle etnie all’interno della stessa Ungheria. I magiari non con- cessero alle altre popolazioni, che convivevano sul medesimo territorio, gli stessi diritti che chiede- vano per loro stessi. «Nel 1848 la maggior parte dei patrioti, nel momento in cui affermava i diritti e le libertà del proprio gruppo nazionale, era allo stesso tempo disposta a calpestare le libertà degli al- tri» 29 . Non c’era da stupirsi allora se i romeni e le altre minoranze non vedessero di buon occhio la rivoluzione magiara. Prima di addentrarci nelle questioni romane possiamo fare un primo bilancio delle rivolu- zioni del 1848 e naturalmente la valutazione varia in base allo sguardo del valutatore. «By far the most significant and never altered consequence of the revolution was the abolition of serfdom and other seigneurial institutions» 30 . A livello geografico il risultato del Quarantotto fu un fallimento per i rivoluzionari che miravano a ottenere l’indipendenza dei loro Stati. Anche a livello di riforme co- stituzionali il saldo potrebbe sembrare negativo, perché molte delle concessioni furono apertamente o sommessamente revocate, però «la reazione non aveva trionfato allo stesso modo ovunque, e per- fino nei casi in cui i conservatori ripresero il potere, non si sentivano sufficientemente forti per ra- dere al suolo le istituzioni liberali» 31 . Se ci concentriamo sul punto di vista nazionale, il Quarantotto fu determinante per la nascita degli Stati nazionali nel XIX secolo. Questo però potrebbe essere an- 28 Lajos Kossuth (1802-1894) è stato un patriota ungherese. Fu protagonista della rivolta magiara del 1848. Costretto all’esilio, dopo la restaurazione degli Asburgo, favorì i rapporti tra le organizzazioni indipendentistiche italiane, unghe- resi e polacche. Finché non morì a Torino nel 1894. Per le note biografiche si veda Enciclopedia italiana di scienze, let- tere ed arti, Roma, Istituto della enciclopedia italiana, 1933, vol. 20, pp. 267-268. 29 Ivi, p. 146. 30 Jonathan Sperber, op. cit., p. 250. 31 Mike Rapport, op. cit., p. 424.
Estratto dalla tesi: Roma 1849. La Costituzione della Repubblica

Estratto dalla tesi:

Roma 1849. La Costituzione della Repubblica

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Simone Antonelli
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Antonio D'Alessandri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 158

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

costituzione
pio ix
repubblica romana
garibaldi
mazzini
armellini
1849
oudinot
saffi
pio 9

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi