Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Notre-Dame de Paris: oltre il musical

Laurea liv.I

Facoltà: Design e Arti

Autore: Donatella Boschetti Contatta »

Composta da 142 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 159 click dal 07/02/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Donatella Boschetti

Mostra/Nascondi contenuto.
15 un numero che suggerisce che il peggio potrebbe essere passato e che sembra voler dire “Grazie per essere rimasti signori e signore, non ve ne pentirete!”. Guys And Dolls ne fornisce un valido esempio: dopo il fallimento della nascente relazione tra Sky Masterson e Sarah Brown che chiude il primo atto, il secondo atto si apre con un brano fresco e divertente – e anche velatamente erotico - di Miss Adelaide e delle sue ballerine del varietà. Come in molti altri casi, il numero non è rilevante ai fini della trama ma l’attenzione all’estetica dei dettagli lo rende godibile abbastanza da essere considerato un vero e proprio ‘antidoto’ ai fatti precedenti. 9. Difficoltà Talvolta il numero di apertura del secondo atto è semplicemente volto ad affrontare le conseguenze del primo. In questo caso ciò che rende lo spettatore reattivo è il desiderio di sapere “come andrà a finire” e come si svilupperà la trama da quel momento in poi. In Hairspray “The Big Dollhouse” non è di certo un momento contemplativo per il protagonista – che avverrà poco più tardi con “Goodmorning Blatimore reprise” – ,ma mostra chiaramente le conseguenze della marcia di protesta contro il Corny Collins Show per l’abolizione del “Negro day”. Lievemente più complesso è – invece – “Suddenly Seymour” da Little Shop of Horrors, in cui i protagonisti Seymor e Audrey si dichiarano il loro amore in maniera inaspettata, dopo che la ragazza scopre dalla polizia che il suo fidanzato è scomparso. Questo rende il brano una classica – anche se non convenzionale – canzone d’amore, anche se le circostanze sono di per sé tragiche. Ed ecco che qui – ancora una volta – entra in gioco la componente fumettistica, con un brano che è una parodia sotto due aspetti: a) l’ironia di una dichiarazione d’amore in circostanze tutt’altro che romantiche e b) l’idea stessa che una donna possa provare un sentimento di passione intensa per un ragazzo per nulla attraente come Seymour. 10. L’evento principale La classica struttura del musical prevede due grandi numeri carichi di energia e ritmo: il primo chiude il primo atto, il secondo avviene durante un momento dello show che viene definito “l’evento principale” ovvero l’evento fulcro della storia che gli spettatori attendono da tutta la serata. Talvolta è conosciuto come “eleven o’clock number”. L’evento principale di Hairspray – ad esempio – potrebbe essere l’attesissimo concorso di Miss Lacca Teenager del Corny Collins Show a cui Tracy aspira da sempre. In Guys And Dolls l’evento principale è in realtà piuttosto irrilevante ai fini della trama, che pone l’accento sulle vicissitudini delle due coppie: si tratta infatti del celebre brano “Sit Down, You’re Rockin’ the Boat”. Sky ha appena vinto la scommessa che condurrà alla missione di Sarah di tutti i partecipanti della bisca clandestina di Nathan, che ovviamente erano tutt’altro che pentiti del loro comportamento da giocatori incalliti. La vicenda prende una piega inaspettata quando Nicely-Nicely Johnson– un personaggio alquanto marginale della cerchia di Nathan – inizia il suo numero, convincendo tutti i presenti ad accogliere la parola della missione e a pentirsi genuinamente per ottenere la salvezza. La peculiarità di questo brano sta nell’assoluta importanza in termini di trama – Sarah Brown riesce effettivamente ad avvicinare alcuni pentiti e a non far chiudere la missione – e irrilevanza al tempo stesso, ma quel che è certo è che si tratta di un numero dall’alta carica energetica che sa tenere ben viva l’attenzione del pubblico.
Estratto dalla tesi: Notre-Dame de Paris: oltre il musical