Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Crescere bilingui: i vantaggi del bilinguismo tra pregiudizi e strategie educative

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Samantha Mattei Contatta »

Composta da 100 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 356 click dal 07/02/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Samantha Mattei

Mostra/Nascondi contenuto.
14 W e inre ic h (1953) a ffe rma c he le inte rfe re nz e ha nno una va le nz a positiva , in qua nto fornisc ono la prova ta ngibile de l fa tto c he ne l sogge tto bilingue , gli idiomi in que stione ve ngono pra tic a ti a bitua lme nte da l sogge tto. Inoltre , pe rme tte re bbe ro a l pa rla nte di supplire a c a re nz e di na tura propria me nte le ssic a le , c omunic a tiva , e se ma ntic a , poic hé il sogge tto in mome nti di bloc c o ha la fa c oltà di se rvirsi de gli e le me nti di uno de i due idiomi, e lude ndo c osì i disa gi di na tura c omunic a tiva e soc ia le de riva nti da lla brusc a inte rruz ione di disc orsi e c onve rsa z ioni c on i propri inte rloc utori. Sono sta te inoltre dimostra te e vide nz e di ordine ne uropsic ologic o, c he rile va no il va lore positivo de ll’e duc a z ione plurilingue sullo sviluppo ne urologic o e c ognitivo de l ba mbino (B e a r, C onnor e Pa ra diso, 2003; Aglioti, Fa bbro, 2006; Fa bbro, 2004; Knudse n, 2004; Ma ndle r, 1988; Olivie ro Fe rra ris, B e lla c ic c o e t a l., 2004; Khul e Andruski, 1997), c ome ve rrà a mpia me nte illustra to ne l prossimo c a pitolo. 1.4.1 - I fe nome ni di sc ambio tra c odic i: il c ode sw itc hing e il c ode mixing Ne ll’a na lisi de lla ge stione de i c odic i linguistic i, è inte re ssa nte a na liz z a re i fe nome ni de llo sc a mbio tra i c odic i: il c ode sw itc hing e il c ode mix ing. Il c ode switc hing è il fe nome no pe r c ui il sogge tto bilingue pre fe rire bbe utiliz z a re l’idioma princ ipa le , tra sfe re ndo a bitua lme nte c ompone nti de ll’a ltro idioma ne i disc orsi e ne lle c onve rsa z ioni. Ha ns Vogt, già ne l 1954, soste ne va c he il fe nome no de l c ode switc hing in sé non fosse un fe nome no pura me nte linguistic o, be nsì psic ologic o. Que sto fe nome no e me rge re bbe in situa z ioni in c ui il sogge tto non possie de un gra do a de gua to e bila nc ia to di c ompe te nz a in e ntra mbe le lingue , oppure a nc he in c onte sti c omunic a tivi di c onve rsa z ioni c olloquia li, quindi tra a mic i, in fa miglia e tra c olle ghi di la voro. Si può c omunque nota re il fe nome no de l c ode switc hing, in c a si in c ui il sogge tto bilingue inte nda de libe ra ta me nte e vide nz ia re la propria a ppa rte ne nz a c ultura le e le proprie ra dic i, utiliz z a ndo l’idioma spe c ific o de lla propria c ultura (Da l Ne gro e t a l.,1999). Infine , que sto proc e sso è pra ssi c omune in nuc le i fa milia ri bilingue , in c ui l’infa nte ha a ppre so a me tte re in re la z ione un idioma c on pe rsone , luoghi, situa z ioni e c onte sti de te rmina ti e pe c ulia ri (Abde lila h-B a ue r, 2008). Il C ode Mixing, inve c e , è un fe nome no c he rigua rda la me sc ola nz a e la fusione de i c odic i linguistic i di due idiomi; ve rific a ndosi a nc he sul pia no stre tta me nte gra mma tic a le , que sto fe nome no può giunge re a c re a re pe rsino un c odic e linguistic o indipe nde nte , risulta to de lla c ommistione di L 1 e di L 2 (Da l Ne gro e t a l., 1999).
Estratto dalla tesi: Crescere bilingui: i vantaggi del bilinguismo tra pregiudizi e strategie educative