Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il regime giuridico delle grotte

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Francesca Midena Contatta »

Composta da 184 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1105 click dal 13/02/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Francesca Midena

Mostra/Nascondi contenuto.
11 così come nel diritto romano, sebbene con un limite diverso, che non è più quello della pratica utilità, ma si concreta nella destinazione attuale del fondo: vale a dire, se il fondo viene destinato, ad esempio, per la costruzione di immobili, il sottosuolo potrà essere occupato solo nella misura necessaria alla realizzazione delle fondamenta 25 . Infine, bisogna ricordare che non mancano autori, i quali sostengono che per il diritto germanico la proprietà fondiaria si estendeva illimitatamente, desumendo la loro tesi da alcuni contratti dell’epoca volti ad alienare il fondo con quanto vi stesse sopra e sotto, tralasciando che queste locuzioni stavano ad indicare, le cose connesse alla destinazione attuale del terreno, e quindi confermando la tesi suesposta; inoltre, i medesimi, riconoscono che miniere e tesori appartengono al sovrano, avvalorando ulteriormente la predetta costruzione 26 . Durante il periodo feudalesimo, la situazione non cambia, se non per il fatto che la proprietà del fondo da libera si trasforma in feudale, per cui il vassallo rimaneva un mero possessore, il quale, pur potendo concedere diritti ai coltivatori assoggettati, poteva sfruttare il sottosuolo solo dietro espressa concessione del sovrano 27 ; si ha così la commistione del sistema fondiario invocato dal vassallo nei confronti dei suoi sudditi, e di quello regalistico, sostenuto dal sovrano nei confronti del medesimo vassallo 28 . 25 CICCAGLIONE F. voce Sottosuolo, in “Digesto Italiano”, XXII, Torino, 1899 - 1903, pp. 158 - 159, a fondamento della costruzione succitata l’A. riporta anche frammenti dello Sachsenspiegel (Specchio Sassone), ovvero la prima raccolta legislativa dell’epoca redatta in lingua germanica e non in latino. 26 CICCAGLIONE F. Sottosuolo, in “Digesto Italiano”, XXII, Torino, 1899 - 1903, pp. 158 – 159; l’A., tra i sostenitori della tesi minoritaria, cita per tutti CALISSE Le condizioni della proprietà territoriale nei documenti della provincia romana nei sec. VIII, IX, X, in “Archivio della Società romana di storia patria”, 1884, pp. 342 – 343. 27 CICCAGLIONE F. voce Sottosuolo, in “Digesto Italiano”, XXII, Torino, 1899 - 1903, pp. 158 – 159. 28 AZARA A. Condizione giuridica del sottosuolo ed orientamento legislativo verso la demanialità, in “Rivista di Diritto Agrario”, Milano, 1939, p. 223; GILARDONI A. : voce Sottosuolo, in “Nuovo Digesto Italiano”, XVIII, Torino, 1940, p. 668.
Estratto dalla tesi: Il regime giuridico delle grotte