Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Follow-up antropometrico a 24 mesi di pazienti trattati con by pass gastrico o sleeve gastrectomy per obesità grave

Laurea liv.I

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Valentina Ligabue Contatta »

Composta da 68 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 146 click dal 23/02/2018.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Valentina Ligabue

Mostra/Nascondi contenuto.
persona. “Il grignotteur”, così come “l’iperfagico prandiale”, mangia lentamente e apprezza quello che sta mangiando; a volte egli mangia in risposta a noia o malesseri fisici vari e gioisce di quello che mangia, ma nella maggior parte dei casi non mangia solo per il piacere del cibo. Infine rispetto ai soggetti iperfagici nei “grignotteurs” si riscontrano più frequentemente modesta autostima, tratti ansiosi di personalità o vere e proprie sindromi ansiose dell’umore di modesta gravità. Infine il binge eating è caratterizzato dall’introduzione di una grande quantità di cibo accompagnata dalla sensazione di perdita di controllo. E’ proprio questo ultimo elemento (il mancato controllo degli impulsi alimentari) a differenziare nettamente un episodio di abbuffata da una semplice iperalimentazione. Svalutazione e disprezzo della propria immagine corporea sono spesso presenti e importanti tra i soggetti obesi, specialmente in chi presenta obesità fin dall'infanzia e, dopo essere stati un effetto dell'obesità, possono diventare una causa che concorre a mantenerla. Sono stati individuati 3 principali aspetti di sofferenza del soggetto obeso: incapacità di risolvere il problema del peso, svalutazione del corpo e preoccupazione per il proprio aspetto, che può assumere, in qualche caso, caratteri ossessivi con una struttura di tipo dismorfofobico. (25) Le sofferenze emotive delle persone obese appaiono anche legate allo stigma sociale, quali derisione, svalutazione, giudizi negativi relativi a “debolezza o scarsa volontà” e possono portare anche a grosse difficoltà in ambito lavorativo. (26) 1.6 TERAPIA MEDICA Secondo la posizione dell'American Dietetic Association (ADA) del 2009 (27) il trattamento dell'obesità richiede un impegno per la vita per ottenere un migliore stato di salute generale e uno stile di vita sano; tutto questo attraverso modifiche dell'alimentazione e dell'attività fisica, che siano realistiche e che permettano, allo stesso tempo, di mantenere un'alta qualità di vita. Per ridurre il peso corporeo è necessario incrementare il dispendio energetico e diminuire l’apporto calorico. Oggi la terapia medica dell’obesità non è più finalizzata a portare i soggetti 12
Estratto dalla tesi: Follow-up antropometrico a 24 mesi di pazienti trattati con by pass gastrico o sleeve gastrectomy per obesità grave