Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il nursing del paziente con Edema Polmonare Acuto Cardiogeno nell'Unità di Terapia Intensiva Cardiologica

Tesi di Master

Autore: Valentina Calabrese Contatta »

Composta da 49 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 876 click dal 20/02/2018.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Valentina Calabrese

Mostra/Nascondi contenuto.
7 della pressione idrostatica polmonare, nonostante una contrattilità normale, se non addirittura aumentata. La comprensione di questi meccanismi fisiopatologici ha subito recentemente un'evoluzione. I nuovi concetti integrano complessi fenomeni neurormonali e infiammatori coinvolti in caso di riduzione della portata cardiaca. Si fa riferimento in particolare al sistema renina-angiotensina-aldosterone (SRAA), al sistema simpatico, alle citochine e ai peptidi natriuretici. Questi diversi fattori sono correlati in modo variabile in funzione delle condizioni di carico, della natura del fattore scatenante e dello stadio evolutivo della cardiopatia. 3 .QUADRO CLINICO L'edema polmonare acuto cardiogeno rappresenta il quadro clinico più drammatico dello scompenso cardiaco sinistro. 1 Il quadro clinico è caratterizzato da: -Dispnea. Viene espressa come sensazione di soffocamento, di oppressione o fame d'aria; si presenta con esordio improvviso ed andamento ingravescente. Spesso insorge nelle ore notturne. E’ importante per il riconoscimento precoce dell’EPA in quanto in caso di edema interstiziale l’unico sintomo può essere una dispnea da sforzo e nell’edema alveolare compare dispnea da sforzo minimo e in decubito supino. Solitamente ortopnea obbligata. -La frequenza respiratoria è elevata, si osserva alitamento delle pinne nasali e retrazione inspiratoria degli spazi intercostali per l'impegno di tutti i muscoli ausiliari della respirazione. -Tosse. Nelle fasi iniziali è secca e stizzosa e successivamente si associa ad emissione di espettorato schiumoso, roseo o francamente rossastro. 1 L. GATTINONI (2009), “Terapia Intensiva. Aspetti generali”. Milano, Edizione Minerva Medica.
Estratto dalla tesi: Il nursing del paziente con Edema Polmonare Acuto Cardiogeno nell'Unità di Terapia Intensiva Cardiologica