Skip to content

Recupero e redistribuzione sociale delle derrate alimentari: il caso del Centro Agroalimentare di Torino. Stato dell’arte e proposte di adozione di buone pratiche.

Estratto della Tesi di Tiziana Pia

Mostra/Nascondi contenuto.
14 commerciali e di marketing, che verranno descritte dettagliatamente nel Capitolo III di questo elaborato. 3. Cenni sulle ricadute economiche, ambientali, sociali. Secondo lo studio di Andrea Segrè e Paolo Azzurro “Spreco alimentare: dal recupero alla prevenzione” 28 già citato in più parti di questo lavoro, “l’attenzione che il tema degli sprechi alimentari merita in questo contesto è giustificata dalla dimensione as- sunta dal fenomeno a livello globale”, poiché, oltre agli sprechi diretti di cibo lungo la filiera, non si devono dimenticare gli impatti correlati in termini di consumo di ac- qua, suolo, emissioni di gas serra e perdita di biodiversità. Gli impatti, stimati a cura della FAO nel rapporto “Food Wastage Footprint” del 2013 29 sono impressionanti: lo studio stima che il consumo globale di acqua, impu- tabile agli sprechi e alle perdite alimentari, sia pari a 250 km3 (cioè il fabbisogno domestico di acqua dei prossimi 120 anni di una città come New York), che il con- sumo di suolo sia di 1,4 mld di ettari (pari a circa il 30% del suolo agricolo disponi- bile sul pianeta), che le emissioni di CO2eq. siano pari a 3.3 mld di ton. e che, infine, il valore economico dei prodotti persi o sprecati ammonti a 750 mld di dollari Successivamente, con lo studio “Food wastage footprint - Full-cost accounting” 30 , la FAO ha esteso la valutazione degli impatti dello spreco alimentare, stimando le rica- dute socio-ambientali del consumo di risorse e dell’inquinamento generato dai pro- cessi a monte dello spreco. Lo sguardo si è posato su aspetti “inediti” ma sicuramente di grande importanza, come ad esempio i costi imputabili ai conflitti legati al control- lo delle risorse naturali, al trattamento di patologie legate all’impiego di pesticidi in agricoltura, alla depurazione delle acque, alla perdita di habitat naturali e dei relativi servizi eco-sistemici, agli effetti dei cambiamenti climatici e della riduzione della di- sponibilità di acqua, ai processi di erosione e di riduzione dello stato di salute dei ter- reni agricoli, ai sussidi pubblici alla produzione alimentare. La stima che ne è deriva- ta è di circa 2.600 miliardi di dollari anche se, a causa della mancanza di metodologie di stima affidabili, tiene conto solo in parte dei “costi nascosti” dello spreco alimen- tare a livello globale. Il fenomeno di erosione delle risorse naturali non conosce decelerazioni ma, anzi, la competizione per l'uso delle risorse idriche e del suolo pare destinata ad accrescersi. Difatti ad esempio negli ultimi 15 anni si è registrata una corsa senza precedenti ver- so l’acquisto (o il leasing) di enormi estensioni di terreno coltivabile nei paesi in via di sviluppo (il fenomeno conosciuto come “land grabbing”) a scapito della sicurezza e della sovranità alimentare delle popolazioni locali. Il fenomeno è diventato talmente diffuso da essere stato recentemente considerato, secondo quanto stabilito dal Tribunale Internazionale dell'Aia, perseguibile come crimine contro l'umanità, al pari di quelli commessi in tempo di guerra. 28 http://fondazionefeltrinelli.it/app/uploads/2016/12/Spreco-alimentare_-Andrea-Segre-e-Paolo-Azzurro.pdf 29 http://www.fao.org/docrep/018/i3347e/i3347e.pdf 30 http://www.fao.org/3/a-i3991e.pdf
Estratto dalla tesi: Recupero e redistribuzione sociale delle derrate alimentari: il caso del Centro Agroalimentare di Torino. Stato dell’arte e proposte di adozione di buone pratiche.

Estratto dalla tesi:

Recupero e redistribuzione sociale delle derrate alimentari: il caso del Centro Agroalimentare di Torino. Stato dell’arte e proposte di adozione di buone pratiche.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Tiziana Pia
  Tipo: Tesi di Master
Master in SOSTENIBILITÀ SOCIALE ED AMBIENTALE DELLE RETI AGROALIMENTARI
Anno: 2018
Docente/Relatore: GABRIELE LORIS BECCARO
Istituito da: Università degli Studi di Torino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 130

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

impatto ambientale
banco alimentare
sostenibilità ambientale
malnutrizione
fame nel mondo
spreco alimentare
cibo buttato
mercati ortofrutticoli
legge gadda
derrate alimentari

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi