Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'Invecchiamento: un percorso attivo nel volontariato

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Psicologia

Autore: Rossana Sunna Contatta »

Composta da 78 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 122 click dal 06/03/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Rossana Sunna

Mostra/Nascondi contenuto.
comportamentali sono spesso molto importanti per l'invecchiamento attivo. Uno stile di vita sano, impegnarsi in un'attività fisica appropriata, mangiare in buona salute, non fumare e usare saggiamente alcool e medicinali può, ad esempio, prevenire le malattie e sostenere molto l'invecchiamento attivo. I determinanti legati ai fattori personali, sono i geni e i fattori psicologici. Questi includono l'intelligenza e la capacità cognitiva di adattarsi al cambiamento, che può essere una delle cause della malattia. Determinanti legati all'ambiente fisico possono essere, ad esempio, un alloggio sicuro ed evitare cadute. La maggior parte delle lesioni alle persone anziane potrebbe essere evitato avendo ambienti fisici appropriati. Il Sostegno sociale, le opportunità per l'istruzione e l'apprendimento permanente, la protezione dalla violenza e altri fattori sono determinanti importanti legati all'ambiente sociale. Infine, determinanti economici come il reddito, la protezione sociale e il lavoro sono molto importanti. La maggior parte dei fattori, o per meglio dire, le modalità di supporto per l'invecchiamento attivo, presentate dall'OMS hanno una componente tecnologica implicita come, ad esempio, alloggi sicuri, istruzione, servizi di cura e trasporto. – Steriotipi sull'età anziana Nonostante l'OMS ha dimostrato che l'anziano rappresenta una risorsa preziosa per la comunità sociale, sono ancora presenti degli antichi steriotipi che definiscono l'anziano come persona non più in grado di essere attivo. I principali sono (Domenico Delcuratolo, 2016): • gli anziani sono “scaduti”: sebbene sia possibile che con l’invecchiamento si abbiano lievi cali nell’elaborazione delle informazioni e nell’attenzione, la maggior parte delle persone anziane mantiene delle ottime competenze mentali e di apprendimento. Inoltre, costoro hanno una marcia in più, dal momento che possiedono una maggiore memoria esperienziale. Anche il deterioramento delle capacità fisiche è di gran lunga minore di quanto comunemente si pensi. • Le persone anziane sono impotenti: sebbene le persone anziane siano particolarmente vulnerabili in caso di emergenza, questo non significa che in 11
Estratto dalla tesi: L'Invecchiamento: un percorso attivo nel volontariato