Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'evidenza celata: le trame invisibili del cinema horror

Laurea liv.I

Facoltà: Media Design e Arti Multimediali

Autore: Giorgia Semeraro Contatta »

Composta da 130 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 93 click dal 28/02/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Giorgia Semeraro

Mostra/Nascondi contenuto.
È chiaro dunque come la crescita adolescenziale proposta da Tomas Alfredson batta una strada del tutto diversa: quella della violenza. Sempre Tallarita precisa: Il ragazzino ha fatto suoi i precetti della bambina- vampiro: senza fronzoli, la violenza. Pur senza voler forzare una sorta di letteralità della metafora (Eli en- tra progressivamente nel mondo di Oskar – prima il quartiere, poi il suo tempo libero fuori casa, poi il suo stesso letto; Oskar impara da Eli e colpisce con vi- olenza il bullo che lo tormenta; compiuto il passaggio, Eli scompare fisicamente – di fatto ne vedremo solo gli occhi e ne sentiremo solo il tamburellare in codice Morse – ma è dentro Oskar o, metaforicamente, al suo fi- anco contro gli Altri), senza dubbio la formazione di Oskar passa per una catarsi efferata e l’inizio del pas- saggio all’età adulta coincide e rassomiglia al passag- gio di Eli, il vampiro, l’alleata, l’aiutante e la con- sigliera – ma soprattutto l’assassina. 9 In questo, la fotografia di Hoyte Van Hoytema è fondamentale: la violenza è una presenza costante, sebbene delineata senza mostrarla, viene percepita con forza nonostante non venga mai inquadrata per davvero; un espediente piuttosto bizzarro, trat- tandosi di un film dell'orrore. Tuttavia è proprio questo equi- librio tra crudeltà e sentimento che rende Lasciami Entrare così particolare: il sangue, parte integrante del film, viene relega- to fuori dal campo, lasciando come traccia di sé la costante presenza del colore rosso che spicca ad ogni singola inquadratu- ra, si tratti di esterno o di interno, di campo lungo o primis- simo piano, di scene singole o corali. Commenti, Roberto Tallarita, gliSpietati rivista di cinema online, http:// 9 www.spietati.it/z scheda dett film.asp?idFilm=1912 33
Estratto dalla tesi: L'evidenza celata: le trame invisibili del cinema horror