Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Nuovi dibattiti sulla teoria degli oggetti inesistenti di Alexius Meinong

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Chiara De Angelis Contatta »

Composta da 141 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 41 click dal 14/03/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Chiara De Angelis

Mostra/Nascondi contenuto.
12 l’assunto parmenideo sarebbe quello di reimpostare i parametri e il profilo di ciò che non è. Così, al non-essere assoluto “inconcepibile” o “inesprimibile” subentra il non-essere relativo, cioè l’ “altro” dall’essere che, secondo Platone, non corrisponde al mero nulla. Tale strategia, conosciuta come “parricidio di Parmenide”, permette a Platone di superare il divieto parmenideo di trattare il non essere come un essente e di poter parlare di oggetti che non esistono. Si consideri adesso un’ inferenza del tipo: Se S sta pensando, allora S sta pensando qualcosa e se S sta pensando qualcosa, allora c’è qualcosa che S sta pensando. D’altro canto,se S sta pensando qualcosa che non esiste,allora non c’è qualcosa che S sta pensando, cioè non c’è nulla che S sta pensando,il che significa che S non sta pensando. 3 Questa conclusione la si potrebbe considerare un po’ forzata perchØ in realtà non si andrebbe a risolvere il problema ma si tenderebbe a liquidarlo e, a mio avviso, ad aggiungere altri problemi, come quello di stabilire che un enunciato esistenziale negativo, ovvero quel tipo di enunciato in cui si nega l’esistenza di qualcosa, non potrebbe essere vero poichØ , se così fosse, non potrebbe esistere ciò di cui stiamo negando l’esistenza; inoltre, dato che questa affermazione non possiede un riferimento allora, si dovrebbe concludere, essa sia priva di senso. Diversamente sarà l’opinione del filosofo austriaco Alexius Meinong il quale, come si vedrà meglio a partire dal prossimo capitolo, riconoscendo uno statuto ontologico a ciò che non esiste, sostiene la tesi secondo cui vi sarebbero oggetti che non esistono realmente o 3 Valore, 2008:pag.198
Estratto dalla tesi: Nuovi dibattiti sulla teoria degli oggetti inesistenti di Alexius Meinong