Skip to content

Si può rottamare la speranza? Uno studio psicolinguistico sull’uso metaforico dei verbi in italiano

Estratto della Tesi di Sara Cortopassi

Mostra/Nascondi contenuto.
13 (2004; 2006) tra “metafore coerenti” (consistent metaphors) e “metafore conflittuali” (conflictual metaphors). Anche alcuni studiosi che hanno adottato e promosso lo sviluppo della CMT ammettono che quest’ultima si concentra solo su un tipo di metafore. Grady (1999), ad esempio, riconosce la necessità di distinguere tra “metafore correlazionali” (correlation metaphors) e “metafore di somiglianza” (resemblance metaphors), indicando che le prime assimilano concetti molto distanti (del tipo LE DIFFICOLTÀ SONO PESI), mentre le seconde mettono in relazione concetti simili (Achille è un leone). Se le metafore correlazionali appaiono motivate da una forte base esperienziale, le altre si affidano all’individuazione delle somiglianze tra i concetti messi in relazione: dunque, a metafore diverse corrispondono meccanismi cognitivi diversi – cosa non accettabile per i lakoffiani. Un’altra semplificazione riguarda l’incapacità di ordinare le metafore concettuali secondo criteri precisi, dal punto di vista di specificità e genericità, impedendo di stabilire possibili classificazioni gerarchiche (Jackendoff & Aron, 1991). Il sospetto è che la scelta dei domini sia volta al bisogno di provare una certa affermazione. Le conclusioni sono tratte a partire da esempi in grado di confermare le ipotesi, senza verificare se questi esempi siano o meno rappresentativi di una popolazione. Da qui un rischio di circolarità della CMT. Per quanto riguarda le intuizioni della CMT a proposito di metafora e pensiero, le critiche perlopiù lamentano una semplificazione eccessiva delle strutture cognitive, che non tiene di conto della capacità umana di pensare in astratto, surclassata dall’applicazione del pensiero metaforico alle basi esperienziali. Infatti, pensare che gli esseri umani acquisiscano i concetti solo a partire dall’esperienza motosensoriale riduce il valore delle facoltà astratte del pensiero umano. Per Wierzbicka (1986: 296-297): […] it is an illusion to think that spatial and otherwise physical notions are inherently clearer to us than frankly mental ones, as it is an illusion to think that the external world is more accessible to us, and more familiar to us than our inner world. Mental experiences are given to us, if anything, more directly than physical ones. A blind person may not know shapes and colours, but he or she will still know what love, thought or understand is.
Estratto dalla tesi: Si può rottamare la speranza? Uno studio psicolinguistico sull’uso metaforico dei verbi in italiano

Estratto dalla tesi:

Si può rottamare la speranza? Uno studio psicolinguistico sull’uso metaforico dei verbi in italiano

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Sara Cortopassi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: linguistica
  Relatore: Alessandro Lenci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 148

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

statistica
linguistica
italiano
metafora
parafrasi
esperimento psicolinguistico
metafore predicative

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi