Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il razionamento del credito in italia durante la crisi finanziaria

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Enrica Panzanaro Contatta »

Composta da 45 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 68 click dal 21/03/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Enrica Panzanaro

Mostra/Nascondi contenuto.
10 particolarmente rischioso e quelli disposti già in partenza a non rimborsare il prestito (in alcuni casi). Al contrario, i clienti più affidabili, contraddistinti da avversità nei confronti del rischio, non sottoscriverebbero un prestito oltre determinati livelli del tasso, consapevoli di non poterlo ripagare. Un equilibrio di sottofinanziamento, in questo caso, avrebbe una ragion d’essere: la banca percepisce la rischiosità di tali progetti e, stimando costi d’insolvenza che comportano un’importante riduzione del rendimento atteso, preferisce razionare una parte della clientela. I due modelli ideati da Jaffee e Russel e da Stiglitz e Weiss, sebbene spieghino il razionamento del credito partendo dall’esistenza di asimmetrie informative e, dunque, ricorrendo al lemons principle, differiscono in quanto i primi assumono la rischiosità dipendente dai soggetti prenditori di fondi, i secondi, si concentrano sulla rischiosità del progetto in cui il prenditore investe. 4. Il modello Jaffee-Russel (1976) Tale modello si sviluppa in un orizzonte biperiodale e suppone l’esistenza di due categorie di individui: banche e consumatori. Questi ultimi percepiscono, in entrambi gli intervalli temporali, un flusso di reddito esogeno, ma possono anche ricorrere, nel primo periodo, ad un prestito, che dovranno restituire nel secondo periodo al tasso d’interesse reale r. I clienti sono distinti in “onesti” e “disonesti”, con il discriminante che i primi contraggono un prestito solo se certi di poterlo onorare, i secondi, invece, divengono insolventi se i costi connessi all’insolvenza (di natura esogena) sono sufficientemente bassi. Ogni cliente ha una funzione d’utilità quasi-concava e agisce massimizzandola. Ciò comporta, per i disonesti, l’inadempienza nel caso in cui i costi connessi all’ insolvenza siano inferiori al montante del prestito, indicato con LR. Alla banca, tuttavia, non è dato distinguere a priori i clienti, ciò implica che la curva di domanda di entrambe le tipologie di prenditori di fondi è la medesima. Dal lato dell’offerta, si suppone, come da contesto di perfetta concorrenza, la condizione di profitti nulli ed inoltre la neutralità verso il rischio. La banca reperisce i fondi da prestare pagando su di essi un tasso i, che rappresenta, per semplicità, l’unico costo sostenuto. Si prosegue massimizzando i profitti attesi, dati da i ricavi attesi a cui si sottrae il costo dei fondi. In Figura 1 un grafico semplificato rispetto a quello riportato dagli economisti nel paper di riferimento.
Estratto dalla tesi: Il razionamento del credito in italia durante la crisi finanziaria