Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Villa Ingham-Whitaker a Marsala: ricerca storica e restauro

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Architettura

Autore: Salvatore Giuseppe Sorrentino Contatta »

Composta da 132 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 49 click dal 28/03/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Salvatore Giuseppe Sorrentino

Mostra/Nascondi contenuto.
14 Teatro comunale L'idea di costruire uno spazio teatrale stabile nel quale si potessero "rappresen- tare commedie, tragedie, e opere in musi- ca", come si legge nel regio dispaccio che ne autorizza la costruzione, sembra che sia venuta per primo a Giovanni Nuccio, il qua- le, nel 1807, fece inoltrare al re Ferdinando IV una supplica per ottenere una licenza per la costruzione di un teatro. La licenza fu trasferita al Nuccio nel 1817, e si iniziò subito a preparare il progetto di cui non co- nosciamo il nome dell'architetto. 4. Il primo Settembre di quell'anno, Nuccio stipulò con mastro Gaetano Lazara il con- tratto d'obbligo nel quale quest'ultimo si impegnava a costruire il teatro secondo il progetto fornitogli dal committente. Il Laza- ra avrebbe dovuto: «gettare a terra quel magazzino e case in parte diruti proprie del detto illustre di Nuc- cio esistenti in questa suddetta città, quar- tiere di S. Francesco e vanella del Quarta- raro, ed ivi costruire ed edifi care un teatro con suo magazzino, palcoscenico, palchet- ti, porte, fi nestre in legno (...) esclusi sol- tanto li banchi, scene e sipari o siano ten- 4. M. Provenzano, M. Pastore, La storia, in Città di Marsla, Inaugurazione del Teatro Comunale, 14-21 Novem- bre 1994; AA. VV., Il Teatro Comunale di Marsala, Ila Palma, Palermo 1995. 5. A.N.M., not. G. Grassellino, min. 1816-1819, c.523r.- 525r., 1-9-1817. 6. A.N.M., not. S. Struppa, min. 1819, c. 95r., 7-3-1819. 7. A.N.M., not. S. Struppa, vol. 1840, c.343, 26-5-1840. de, che coprono le scene, quali restano a peso del detto illustre di Nuccio.» 5. Nel 1819 mastro Antonio Ingianni portò al termine i lavori di falegnameria e presu- mibilmente in quel torno di tempo il teatro dovette essere inaugurato. 6. Pare che dalla morte del Nuccio, av- venuta nel 1826, fi no al 1840 il teatro sia rimasto chiuso. In quell'anno fu espropria- to dall'amministrazione comunale, che in compenso e come prezzo dello stesso as- segnò all'ex proprietario alcune partite di censi. 7. Da allora il teatro ha subito diversi re- stauri ed è stato sempre funzionante fi no al 1959 quando fu assegnato al liceo mu- sicale "G. Mulè"; dopo la chiusura del liceo (1974) è stato abbandonato al degrado, per poi poter essere riaperto nel 1994, dopo un attento intervento di restauro. La facciata in stile neoclassico è rimasta immutata nel tempo, divisa in due ordini da una cornice marcapiano, e chiusa in alto da un ampio e pesante forntone. Le porte e le fi nestre, evidenziate da conci a vista, hanno degli architravi sorretti da mensole a volute.
Estratto dalla tesi: La Villa Ingham-Whitaker a Marsala: ricerca storica e restauro