Skip to content

La governance nelle start-up: dinamiche di potere e controllo tra imprenditori, fornitori e finanziatori

Estratto della Tesi di Davide Busanello

Mostra/Nascondi contenuto.
11 | P a g . Questa tendenza trova riscontro anche nelle più recenti pubblicazioni del Global Entrepreneurship Monitor (G.E.M.), uno dei più rilevanti istituti di ricerca avente l’obiettivo di monitorare in modo sistematico e strutturato l’evoluzione della nuova imprenditorialità nei vari Paesi. Il principale indicatore elaborato ed utilizzato dal G.E.M. è il tasso di nuova imprenditorialità (Total early stage Entrepreneurial Activity - TEA) che tiene conto del livello dell’attività imprenditoriale considerando l’imprenditorialità nascente (ovvero la percentuale della popolazione che sta cercando di avviare un’attività imprenditoriale) e le nuove imprese (fino a tre anni e mezzo dall’inizio dell’attività). Confrontando i valori assunti nel Global Report (2013) da detto indicatore nelle economie sviluppate con le specificità del contesto italiano, è possibile osservare che, a fronte di tassi di nuova imprenditorialità superiori al 12% di Stati Uniti e Canada e a valori significativi registrati dai principali Paesi europei come Olanda (9,3%), Irlanda (9,2%), Lussemburgo (8,69%), Regno Unito (7,14%), Germania (4,98%) e Francia (4,57%), l’Italia si posiziona all’ultimo posto con un indice T.E.A. pari al 3,43%. Le attitudini imprenditoriali, ossia l’insieme di percezioni che gli individui hanno in merito alle opportunità imprenditoriali offerte dall’area in cui risiedono, alle proprie capacità di intraprendere un’attività d’impresa, alla paura di fallire e all’intenzione di fare impresa in tempi brevi, variano sensibilmente nei differenti Paesi U.E.. Ordinando i Paesi sulla base del valore delle opportunità percepite, considerato il fattore principale che spinge le persone (in questa tipologia di Paesi) a creare una nuova impresa, risultano in testa a questa graduatoria la Svezia (il 64,4% della popolazione percepisce buone opportunità imprenditoriali) e la Norvegia (63,7%), seguite da Gran Bretagna (35,5%), Germania (31,3%) e Francia (22,9%). L’Italia è al quarto posto con opportunità percepite che sono circa la metà di quelle in UK (17,3%). Analizzando le capacità imprenditoriali, è interessante notare come nella maggior parte dei casi i valori percentuali di percezione di opportunità imprenditoriali e la valutazione delle proprie capacità imprenditoriali siano molto vicini tra loro per ciascun Paese. L’Italia (al pari di Spagna, Portogallo, Grecia e Slovenia) rappresenta un’eccezione, dove l’autovalutazione delle capacità imprenditoriali è superiore alle opportunità offerte dai rispettivi Paesi. L’indicatore T.E.A. poco soddisfacente dell’Italia è anche il risultato della percezione di un’elevata paura di fallire (48,6%), superiore alla media U.E. (38,2%), che inevitabilmente si ripercuote in negativo sulla creazione di nuove imprese. All’interno della macro-categoria rappresentata dalle imprese di nuova costituzione, è opportuno prestare una particolare attenzione alle imprese cd. “high-growth” e soprattutto alle cd. “gazelle”. Secondo l’O.C.S.E., le imprese high-growth sono quelle attività che, dal punto di vista occupazionale e/o reddittuale, hanno registrato una crescita media annua almeno pari al 20% per un periodo complessivo di tre anni. Generalmente le imprese high growth rappresentano una piccola parte della popolazione imprenditoriale complessiva. Tipicamente, la quota ricoperta da dette imprese risulta essere compresa tra il 2% e il 6% nella maggior parte dei Paesi (fig.2). La loro importanza trova
Estratto dalla tesi: La governance nelle start-up: dinamiche di potere e controllo tra imprenditori, fornitori e finanziatori

Estratto dalla tesi:

La governance nelle start-up: dinamiche di potere e controllo tra imprenditori, fornitori e finanziatori

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Davide Busanello
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Trieste
  Facoltà: Economia e Gestione Aziendale
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Francesco Venier
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 72

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

organizzazione aziendale
strategia aziendale
start-up governance
approvvigionamento di capitali
relazione di potere start-up

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi