Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Progetto ed Analisi di un Amplificatore a Basso Rumore con Lossless Feedback

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Michele Faini Contatta »

Composta da 186 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 24 click dal 16/04/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Michele Faini

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 Cenni di teoria generale sugli amplificatori in RF 1 - 13 1.4.4 Metodo analitico per lo studio della stabilità L’approccio di tipo grafico fino ad ora esposto è molto comodo nel momento in cui sia già stata accertata la potenziale instabilità del dispositivo e quindi si stia solo cercando una zona di funzionamento stabile. Se invece nulla si conosce ancora sulla stabilità del dispositivo conviene, in prima analisi, seguire un metodo analitico con il quale si potrà immediatamente sapere se il dispositivo è Incondizionatamente Stabile o Potenzialmente Instabile. In questo modo, nel caso il dispositivo risultasse completamente stabile, si eviterà di calcolare inutilmente i cerchi di stabilità. Effettuando una manipolazione delle espressioni (1.4.1) (1.4.2) si otterranno le seguenti condizioni necessarie e sufficienti per l’incondizionata stabilità: 1 2 1 21 12 2 2 22 2 11 > D + - - = S S S S K 1 21 12 22 11 < - = D S S S S Se solo una di queste condizioni non è verificata, il dispositivo risulterà Potenzialmente Instabile. Se ciò accadesse dovremo disegnare i cerchi di stabilità al fine di trovare una zona stabile sulla carta di Smith. 1.4.5 Variazioni della stabilità in funzione della polarizzazione Un altro aspetto fondamentale da analizzare è il legame tra la stabilità di un dispositivo attivo (transistore) e la sua polarizzazione in corrente continua. Abbiamo infatti visto nel primo paragrafo come i parametri di scattering siano strettamente dipendenti dalla polarizzazione del transistor oltre che dalla frequenza a cui esso lavora. E’ quindi ovvio che anche il coefficiente di stabilità K dato dalla (1.4.8) dipenderà sia dalla polarizzazione che dalla frequenza in quanto esso stesso dipende dai parametri di scattering. Viene ora da chiedersi se la stabilità dipenda soltanto dalla variazione della corrente di collettore Ic , dalla Vce oppure da entrambe. Per dimostrare questa dipendenza possiamo seguire due strade: o quella analitica (più rigorosa ma anche più complessa) o quella basata sull’osservazione sperimentale. Nel seguito si prenderà in considerazione il secondo metodo (1.4.8) (1.4.9)
Estratto dalla tesi: Progetto ed Analisi di un Amplificatore a Basso Rumore con Lossless Feedback