Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

D.lgs. 139/2015 Il nuovo bilancio d'esercizio: Il caso Salumificio Fratelli Beretta S.p.a.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Andrea Burrini Contatta »

Composta da 41 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 75 click dal 25/05/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Andrea Burrini

Mostra/Nascondi contenuto.
12 quale prevedeva l’iscrizione a valore costante nell’attivo patrimoniale delle rimanenze di materie prime, sussidiarie e di consumo e delle attrezzature industriali e commerciali non di primaria importanza rispetto ai totali di bilancio. Questa possibilità era consentita quando non esistevano variazioni importanti nell’entità, nel valore e nella composizione di tali attività. Dopo questa modifica l’OIC 13 ha accertato che le materie prime, sussidiarie e di consumo possono continuare ad essere iscritte nell’attivo ad un valore costante solamente se sono costantemente rinnovate e generalmente di scarsa importanza rispetto all’attivo del bilancio. 1.2.3 OIC 14 – DISPONIBILITÀ LIQUIDE Attraverso il D.lgs. 139/2015 la modifica di maggior rilievo apportata al principio contabile OIC 14 è stata sulla classificazione dei crediti verso la società che dirige la tesoreria di gruppo per ottimizzare l’uso delle risorse finanziarie, il “cash pooling”. La definizione di cash pooling ha il seguente significato, è la gestione della tesoreria accentrata per ottimizzare l’utilizzo delle risorse finanziarie. Nei bilanci per le società che partecipano ad una gestione di tesoreria accentrata, si avrà la liquidità versata rappresentata da un credito verso la società che amministra la tesoreria. Conseguentemente questo credito sarà poi classificato tra le Attività finanziarie che non costituiscono immobilizzazioni in una specifica voce chiamata C.III.7 Attività finanziarie per la gestione accentrata della tesoreria, con la seguente indicazione della controparte se i termini di esigibilità lo consentono. Se invece non vengono soddisfatti i termini di esigibilità a breve termine allora i crediti saranno rilevati nelle immobilizzazioni finanziarie. L’OIC 14 adesso disciplina il criterio di classificazione facendo prevalere la sostanza dell’operazione. Se la società che redige il bilancio in forma abbreviata o una micro-impresa partecipa ad una gestione di tesoreria accentrata può classificare il credito verso la società che amministra quella tesoreria nella voce C.III Attività finanziarie che non costituiscono immobilizzazioni, se i termini di esigibilità a breve termine sono soddisfatti. Invece se i
Estratto dalla tesi: D.lgs. 139/2015 Il nuovo bilancio d'esercizio: Il caso Salumificio Fratelli Beretta S.p.a.