Skip to content

Profilo storico del matrimonio concordatario: dai Patti Lateranensi agli Accordi di Villa Madama

Estratto della Tesi di Francesco Gandolfi

Mostra/Nascondi contenuto.
Chiesa non riconosce per valido, la parte che più tardi vuole uniformarsi ai suoi precetti, non sia tenuta a perseverare in una convivenza condannata dalla religione e inoltre, commentando la legge, : […] una legge civile che, supponendo divisibile pei cattolici il sacramento dal contratto di matrimonio, pretenda di regolarne la validità, contraddice alla dottrina della Chiesa, invade i diritti inalienabili della medesima, e praticamente parifica il concubinato al sacramento del matrimonio, sanzionando legittimo l’uno come l’altro . Il processo di laicizzazione del diritto, iniziato con la codificazione napoleonica e arrestatosi con la Restaurazione, riprese parallelamente alle vicende che portarono il Piemonte ad assumere la guida del percorso di unificazione nazionale, diventandone un elemento essenziale. La riforma in atto del codice civile, funzionale alle necessità del nascente stato unitario, non poteva permettere che il matrimonio, cardine della famiglia, riconosciuta dalle parti come struttura fondante lo stato, fosse regolato anche solo in parte da un potere ad esso estraneo. Le diverse proposte avanzate negli anni 1848-1865, pur cercando di mediare su questo punto, fallirono a causa della fisionomia separatista che prevalse nella stesura definitiva del codice. Questo, denominato “Pisanelli” in onore del Guardasigilli che lo propose nel 1863, trovò la luce nel 1865 per poi entrare in vigore ufficialmente l’anno seguente. Prima di trascrivere i punti basilari che nel nuovo codice caratterizzano l’istituto matrimoniale, è interessante ascoltare dalle dirette parole di Pisanelli quale fosse l’idea generale che lo ispirò. Ecco come introdusse la sua proposta in un discorso al Senato del luglio 1863: “[…] Sono a tutti note le lunghe contese avvenute intorno alle relazioni fra la chiesa e lo stato, e niuno ignora come pel matrimonio la chiesa persista a reclamare la sua competenza. In quanto a noi il principio libera chiesa in libero stato, che costituisce oramai un assioma del nostro diritto pubblico, ci conduce a riconoscere nello stato il diritto di regolare il matrimonio per le sue relazioni civili. Il matrimonio, che è fondamento della famiglia, e per ciò un’alta istituzione sociale, deve cadere sotto le prescrizioni dello stato. Allo stato incombe di regolare i modi, con cui una nuova famiglia si costituisce, e determinarne i diritti. Può il matrimonio avere una sanzione più alta, la sanzione religiosa; ma questa è fuori della competenza dello stato. La religione ha i suoi precetti e le sue sanzioni, ma essi si aggirano in un campo ove lo stato non può entrare senza suo danno e senza offesa della stessa religione. Chi voglia che la legge civile si faccia a promuovere l’adempimento de’ doveri religiosi, falsa e deturpa l’indole di tali doveri. E dove si arresterà lo stato quando si ponesse in questa via? Nel neonato “Codice Civile del Regno d’Italia” del 1865, all’interno del Titolo V , gli 12
Estratto dalla tesi: Profilo storico del matrimonio concordatario: dai Patti Lateranensi agli Accordi di Villa Madama

Estratto dalla tesi:

Profilo storico del matrimonio concordatario: dai Patti Lateranensi agli Accordi di Villa Madama

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Gandolfi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Lucia Scalera
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 122

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

matrimonio
concordato
patti lateranensi
diritto canonico
1984
1929
relazioni stato-chiesa
art. 7 cost.
art. 34 conc.
storia del diritto ecclesiastico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi