Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Storie di un altro sviluppo: Corea del Sud

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Ruben Ippoliti Contatta »

Composta da 35 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 37 click dal 16/05/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Ruben Ippoliti

Mostra/Nascondi contenuto.
9 tramite l’assegnazione di vantaggi e un controllo selettivo dei capitali stranieri. Si riscontra quindi, una vera e propria alleanza tra Stato e grandi gruppi industriali, affermando così una struttura oligopolistica basata sul potere di poche famiglie, le cosiddette chaebol: il termine equivalente coreano del giapponese zaibatsu e significa “gruppo d’affari”, “fiducia” (Goldstein, 2013). Da un’indagine di tipo quantitativo, si nota che dal 1963 gli indici di crescita salgono esponenzialmente, 9 per cento dal 1963 al 1973 e del 9.3 per cento dal 1973 al 1979, nonostante in quest’ultimo periodo l’economia mondiale stesse rallentando (Pilot, 1994). Per Amsden (1989) lo sviluppo coreano di questi anni, è il risultato del ruolo che lo stato svolge non solo nell’allocazione delle risorse e nel far funzionare i mercati, ma soprattutto fissando priorità a livello settoriale e orientando i vantaggi con strumenti come sussidi, restrizioni commerciali, imprese pubbliche e l’allocazione del credito. A partire della fine degli anni Settanta, nonostante la continua crescita coreana, si riscontrano numerose difficoltà sia su livello economico e sia su quello politico. Principalmente troviamo due grandi eventi che hanno un impatto molto negativo: il secondo shock petrolifero e il rialzo dei tassi d’interesse americani. Si riscontrano conseguenze negative sul livello dei prezzi, sulla domanda mondiale e sull’aumento del costo dei servizi di debito. La crisi economica innesca anche ripercussioni sulla stabilità politica con diverse insurrezioni, le quali vengono sedate da un colpo di stato nel 1980 che vede emergere la figura del generale Chun 9 come presidente. (Rabellotti, Hirsch, Molini, 2008) Chun avvia un’importante politica di stabilizzazione e di austerità incoraggiata dalla Banca mondiale e dal Fondo monetario che concedono alla Corea un prestito legato all’adozione di un Piano di aggiustamento 9 Politico e militare sudcoreano, che ha ricoperto la carica di Presidente della Corea del Sud dal 1980 al 1988, fu condannato a morte nel 1996 per aver autorizzato i massacri contro le rivolte ma ricevette l’amnistia del presidente in carica.
Estratto dalla tesi: Storie di un altro sviluppo: Corea del Sud