Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Interazione sociale e costruzione del sé

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze dell'Educazione

Autore: Ylenia Troiani Contatta »

Composta da 92 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 116 click dal 22/05/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Ylenia Troiani

Mostra/Nascondi contenuto.
12 Freud 3 , riteneva che gli impulsi della libido asociali ed egoistici rappresentati dall’ES, fossero tenuti sotto controllo da una serie di norme interiorizzate provenienti dalla nostra società, ovvero il SUPER-IO. Occasionalmente però, gli impulsi repressi potevano anche uscire allo scoperto. Questa analisi dell’es, io e super io è importante perché è a partire questa visione proposta da Freud, che si comprende come davvero l’uomo è in grado di conoscere sé stesso, ma solo attraverso procedure particolari come l’ipnosi, la psicoterapia. Freud considerava il sé come soggettivo e privato, come l’apice dell’individualità. Alla visione del concetto Freudiano dell’io si oppone Donald Winnicott 4 , pediatra e psicoanalista inglese. Winnicott distingue tra il concetto freudiano di io e il concetto di sé: la percezione del sé è la percezione della persona in tutta la sua unicità e la cui esistenza è avvertita nella sua continuità. Questa esistenza che inizialmente era solo corporea, poi diventerà relazionale. Sempre secondo Winnicott, fin da bambino l'uomo sviluppa la propria persona mediante il rapporto che egli stabilisce con gli altri e lo psichiatra in questo senso, dona un'importanza fondamentale alla madre. Egli specifica che l'incontro dei potenziali innati del bambino con le prime cure materne (solo quando la madre è però in grado di adattarsi ai bisogni 3 Freud ci parla di ES-IO e SUPER IO. Queste strutture sono fondamentali per la personalità e si sviluppano nel corso dell’infanzia. Il rapporto che si crea tra questi tre fattori determina il modo con cui saranno gratificate le pulsioni. L’es, è presente fin dalla nascita ed è il polo pulsionale della personalità. L’io comprende la percezione e il pensiero cosciente che pianifica pulsioni scegliendo anche i comportamenti che il gruppo sociale di appartenenza ritiene adeguati. Il super io, ha la funzione di “giudice” nei confronti dell’io. La sua formazione avviene in seguito alla rinuncia ai desideri incestuosi e con l’identificazione con i genitori e le norme da essi rappresentati. 4 Donald Winnicott nasce nel 1896 e muore nel 1971. È stato un pediatra e psicoanalista inglese. Dopo aver conseguito il diploma a Cambridge, viene arruolato nella marina per poi essere imbarcato come chirurgo tirocinante. Alla fine della guerra si specializza in pediatria e successivamente in seguito alle letture di Freud inizia un’analisi con James Strachery. Divenuto in seguito famoso come psicoanalista, nel 1956 è eletto presidente della società psicoanalitica inglese. In modello che W. ci offre si basa sull’osservazione rigorosa di quanto è importante nello sviluppo dell’infante la relazione con la madre e con l’ambiente circostante. le azioni.
Estratto dalla tesi: Interazione sociale e costruzione del sé