Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Aspetti etici degli interventi medici e assistenziali nel fine vita in età pediatrica. Il problema dell’eutanasia

Laurea liv.I

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Anna Addari Contatta »

Composta da 72 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 171 click dal 26/06/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Anna Addari

Mostra/Nascondi contenuto.
9  Conseguenze a breve termine che consistono in un peggioramento clinico, nello sviluppo di complicanze, prolungamento dell’ospedalizzazione e scarsa compliance nelle cure;  Conseguenze a lungo termine con alterazione della soglia del dolore, problematiche psico-relazionali, fino ad arrivare alla possibilità dell’utilizzo di contenzione fisica durante le manovre dolorose;  Modificazioni a livello strutturale e funzionale nel sistema nocicettivo/antalgico con effetti negativi sulla prognosi, che risultano maggiori in età neonatale e pediatrica rispetto alle età successive;  Nei neonati l’aver subito dolore e la sua memoria, anche se i ricordi non sono consci, possono causare disordini comportamentali, cognitivi e problemi psicosociali. (IPASVI, 2017)(9) Per questo è importante non sottovalutare la sofferenza ed essere a conoscenza di tutti i segni e sintomi del dolore, i quali non sempre sono evidenti. Ne risulta quindi che non sempre il dolore viene espresso apertamente dai bambini, tuttavia ci sono vari segni che consentono di percepire una sintomatologia dolorosa, secondo Meighs, ad esempio il dolore al capo comporta una contrattura a livello della fronte, il dolore di tipo addominale si riscontra da un’elevazione del labbro superiore o ancora il dolore al torace dalle narici affilate. (10) Per cui devono essere ricercati i sintomi che si differenziano da quelli che possono essere presenti nell’adulto, e sono specifici di un certo tipo di dolore, in particolare nel bambino che ancora non parla potremmo riscontrare tristezza, inoperosità, e scarso interesse verso qualunque tipo di relazione, mentre nel bambino più grande si presenteranno gli stessi segni confermati anche grazie al dialogo(11). Uno dei principali aspetti positivi del dolore è quello di avere una funzione di protezione, esso ha infatti lo scopo di insegnare ed evitare gli stimoli nocivi,
Estratto dalla tesi: Aspetti etici degli interventi medici e assistenziali nel fine vita in età pediatrica. Il problema dell’eutanasia