Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gioco d'azzardo e conflitto istituzionale: il caso del Piemonte

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Francesco Crescenzo Contatta »

Composta da 250 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 29 click dal 11/07/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Francesco Crescenzo

Mostra/Nascondi contenuto.
è diventato l’architettura di questo passaggio». Serviva ad attrarre chiunque, ed a collegarli a una visione complessiva abbinando tutte le trasformazioni politiche, sociali ed economiche a cui ci riferiamo. Nel suo saggio, la dottoressa Schüll, osserva Las Vegas esaminando le sue trasformazioni negli ultimi quarant’anni, nella quale sono sperimentate e perfezionate le tecniche più sofisticate per stimolare il gioco d’azzardo. Infatti, la Schüll scrive: «Durante lo svolgimento delle mie ricerche sul campo […] mentre la popolazione locale cresceva rapidamente e un assortimento di nuovi casinò di quartiere apriva i battenti, io diventai sempre più curiosa circa l’esperienza dei residenti di vivere e lavorare in una città così satura di ambienti e tecnologie del gioco d'azzardo. Non appena spostai la mia attenzione lontano dai casinò turistici lungo la Strip, rimasi colpita dall'onnipresenza delle macchine per il gioco d'azzardo, il cosiddetto machine gambling - sui cartelloni pubblicitari, nei negozi di alimentari e nelle farmacie, nei ristoranti nei bar e addirittura negli autolavaggi». 3 Tutto questo, fa sì che la Schüll sposti la sua attenzione su due punti di vista, il primo sul ruolo del tempo trascorso davanti alle macchinette, dai giocatori abituali, e il secondo nel comprendere la logica con la quale le slot erano posizionate e costruite per i casinò, notando al tempo stesso come l’alea si estendesse in tutti gli strati sociali, non rimanendo più un fenomeno circoscritto. Diviene fondamentale, ai fini della nostra ricerca, spostare la nostra attenzione sulla ludopatia, cioè su come il gioco si trasformi in una dipendenza patologica, senza N.D. Schüll, Architetture dell’azzardo. Progettare il gioco costruire la dipendenza, che 3 esce ora nell’edizione italiana curata da Marco Dotti e Marcello Esposito, Sossella, Roma 2015, p. 36 14
Estratto dalla tesi: Gioco d'azzardo e conflitto istituzionale: il caso del Piemonte