Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Realtà Virtuale e Realtà Aumentata: definizioni a confronto

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Claudio Barone Contatta »

Composta da 85 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 19 click dal 03/08/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Claudio Barone

Mostra/Nascondi contenuto.
14 all’interfaccia, si confronta con il fatto che il computer dotato di finestre è allo stesso tempo automatico e interattivo 22 . L’interfaccia è interattiva nel senso che questi livelli rimangono sempre sotto il controllo dell’utente, che a sua volta è in grado di iniziare un’altra operazione automatica 23 . Se la logica dell’immediatezza porta a cancellare o a rendere automatico l’atto di rappresentazione, la logica dell’ipermediazione riconosce l’esistenza di atti di rappresentazioni multiple e li rende visibili. L’ipermediazione offre uno spazio visuale eterogeneo - ad esempio la realtà aumentata -, all’interno della quale la rappresentazione è considerata non come una finestra sul mondo, ma come un’entità costituita di finestre: finestre che si aprono su altre rappresentazioni o su altri media, moltiplicando i segni della mediazione e in questo modo cerca di riprodurre la ricchezza sensoriale dell’esperienza umana 24 . L’immediatezza dipende dall’ipermediazione poiché sfrutta più media contemporaneamente dando l’illusione che non sia presente, come ad esempio l’unione di scene girate dal vivo con grafica 3D. Ciò che accade in realtà in entrambe le facciate, immediatezza trasparente e ipermediazione, tendono entrambe a un’autenticità dell’esperienza. 1.2 Cosa sono i “Nuovi Media” I “nuovi media” sono tutti quei mezzi di comunicazione di massa, che si sono sviluppati posteriormente alla nascita dell’informatica, e che utilizziamo per condividere i nostri pensieri. Essi sono frutto di una rimediazione, in altre parole l’adattamento dei contenuti dei vecchi media nei formati di quello nuovo. Ovvero la bonifica dei nuovi media digitali, perché i media digitali stanno costantemente rimediando i suoi predecessori. Ad esempio il cinema, ha rimediato la fotografia, Internet rimedia la televisione, il servizio postale, il quotidiano, la radio, i videogiochi, il telefono, ecc., inglobando in essa alcune caratteristiche di quest’ultima. Secondo Bolter e Grusin, i media s’ibridano e si sostituiscono a vicenda, apportando modifiche. Questo processo è parte integrante dei media 25 . I nuovi media sono anche frutto di una riparazione che può essere completa o visibile. Un film basato su un libro sta correggendo la storia stampata, senza fornire alcun riferimento al supporto originale o riconoscere che si tratta di un adattamento, assorbendo completamente il vecchio media 22 J. D. BOLTER E R. GRUSIN, Remediation. Competizione e integrazione tra media vecchi e nuovi, cit., pp. 56-71 23 J. D. BOLTER E R. GRUSIN, Remediation. Competizione e integrazione tra media vecchi e nuovi, cit., pp. 56-71 24 J. D. BOLTER E R. GRUSIN, Remediation. Competizione e integrazione tra media vecchi e nuovi cit., pp. 56-71 25 J. D. BOLTER AND R. GRUSIN, “Remediation: Understanding New Media”, cit., p. 55
Estratto dalla tesi: Realtà Virtuale e Realtà Aumentata: definizioni a confronto