Skip to content

Disturbi alimentari e Alessitimia: studio empirico in un campione di adolescenti non referred

Estratto della Tesi di Federica Michilli

Mostra/Nascondi contenuto.
13 una stretta interdipendenza fra cultura e adolescenza; individua un criterio epistemologico radicalmente diverso da quello di Hall. A partire dagli anni '50, molti teorici hanno studiato l'adolescenza facendo riferimento al concetto di turmoil, inteso come crisi, fase temporanea di squilibrio che rimette in discussione l'equilibrio normale o patologico del soggetto. Anna Freud (1936) dedica molta attenzione alle strategie che l'Io utilizza in adolescenza per difendere l'individuo dalle richieste istintuali provenienti dal corpo. In questo periodo ci troviamo di fronte a numerosi conflitti e perturbazioni psicologiche. Un Es relativamente forte, una spinta libidica che investe prevalentemente le aree genitali si confronta con un Io relativamente debole. Tutto ciò incrementa i conflitti a causa dell’aumento delle pulsioni, contro le quali l’adolescente si protegge utilizzando vari meccanismi di difesa, quali ascetismo, intellettualizzazione e intransigenza, allo scopo di tenere a freno la forza dell'Es. Se tale conflitto viene risolto positivamente si assiste alla formazione del carattere; in caso contrario, l'esito insoddisfacente condurrà alla formazione dei sintomi nevrotici. Il soddisfacimento della pulsione risulta essere in contrasto con altre esigenze psichiche e quindi giudicato pericoloso. Di conseguenza si mette in atto un comportamento psicologicamente regressivo; un ritorno a un livello di sviluppo e di funzionamento mentale più antico e primitivo tipico di un periodo precedente, evitando così la situazione critica. A. Freud continua affermando che per difendersi dall’angoscia derivante dalla rottura dei legami con i precedenti oggetti di amore, l’adolescente ricorre alla fuga dalla famiglia, all’investimento dell’affetto sul gruppo dei coetanei, all’inversione di libido su se stesso con conseguenti fantasie di potere illimitato. Di conseguenza può emergere l'atteggiamento antisociale tipico della fase adolescenziale. Secondo questa prospettiva, possiamo osservare come anche l'approccio psicanalitico considera la profonda tempesta emotiva di questo periodo come un elemento inevitabile e, allo stesso tempo, necessario per la fase adolescenziale (Palmonari, 1997). Le teorie classiche sull'adolescenza si sono soffermate principalmente sui vari aspetti dello sviluppo improntando le loro tesi sul concetto di maturazione biologica, sullo sviluppo cognitivo e sui fattori culturali e sociali. L'approccio psicoanalitico ha preso in considerazione un arco di tempo limitato, individuando cinque fasi dello sviluppo (orale, anale, fallica, periodo di latenza e fase genitale) che vedono la loro conclusione al termine dell'adolescenza. La teoria proposta da Erikson (1974), accetta le nozioni di base della teoria freudiana ma tende a modificarla abbracciando un arco di tempo molto più vasto che va dalla nascita alla morte. Lo sviluppo della personalità non si completa nell'adolescenza ma segue otto stadi che proseguono per tutto l'arco della vita e
Estratto dalla tesi: Disturbi alimentari e Alessitimia: studio empirico in un campione di adolescenti non referred

Estratto dalla tesi:

Disturbi alimentari e Alessitimia: studio empirico in un campione di adolescenti non referred

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Federica Michilli
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia clinica e tutela della salute
  Relatore: Silvia Cimino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 116

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

anoressia
bulimia
dsm
trauma
tesi
adolescente
disturbo alimentare
alessitimia
post-traumatico
binge eating

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi