Skip to content

Feste de l'Unità a Modena. Cambiamenti e tradizioni socio – politiche dal 1983 al 2007

Estratto della Tesi di Raffaele Caterino

Mostra/Nascondi contenuto.
specifico, nella fattispecie quello della lotta alla droga e alle tossicodipendenze 1 , che venne affrontata tra conferenze, testimonianze, filmati, mostre, spettacoli e interviste in un'apposita Piazza 2 , dal nome “Un impegno contro la droga”. La Festa discute anche il risultato delle elezioni politiche tenutesi il 26 giugno, che hanno visto il PCI arrivare al 29,9% alla Camera, e 30,81% al Senato, elaborando opinioni sull'alternativa democratica al governo del Paese, visto il piccolo scarto con la DC, da sempre partito di maggioranza, del solo 3% 3 . Era per questo che l'organizzazione aveva deciso di evitare la genericità e il propagandismo, scegliendo appunto un tema specifico, quello dell'impegno contro la droga, filone inserito all'interno del quadro del programma nazionale della Feste de l'Unità 4 , coinvolgendo operatori, amministratori, giovanili e associazioni di volontariato 5 . Dati elettorali molto positivi furono quelli delle Elezioni Europee del 1984. Infatti, “Primi. 33,3% l'alternativa possibile costruiamola insieme” 6 fu una scritta su un'esedra 7 che accolse i visitatori della Festa Nazionale sullo Sport. Manifestazione che nacque da una scommessa, poiché fu un tema originale e diverso da quello che ci si sarebbe potuto aspettare. Fu la prima occasione che vedeva insieme la politica e il tema dello Sport, tale da trasformare la cittadella rossa in un villaggio olimpico 8 , dove gareggiarono atleti di tutto il mondo, sia dell'Est che dell'Ovest, in un clima distensivo, contrariamente a quanto accadde nei giochi olimpici di Los Angeles, che si erano proprio nella stessa estate, con l'assenza degli atleti russi. L'organizzazione comunista tenne a sottolineare come lo Sport fosse un elemento di unione, di pace e di amicizia 9 . La Festa si preoccupò di costruire un rapporto critico tra la gente (sportiva e non) con lo Sport, non inteso solo come competizioni in diverse discipline, ma anche come problema generale e con tutte le diverse implicazioni, elaborando l'impegno che il 1 Paolo Battaglia, Modena in Festa, RFM edizioni, Modena 2005, p. 193 2 “Da oggi l'Unità in festa all'ex autodromo”, Gazzetta di Modena, 27 agosto 1983 3 La DC aveva ottenuto il 32,9 % dei voti. G. Mammarella, L'Italia Contemporanea 1943-2011, pp. 462 - 463 4 Esisteva una vera e propria organizzazione nazionale di coordinamento delle Feste de l'Unità, con incontri periodici per il confronto e lo scambio di idee e opinioni in base alle esperienze territoriali. Il coordinamento inoltre elaborava proposte per grafiche, mostre e presentazioni di libri, oltre che la gestione di materiali strutturali per la Festa. 5 Istituto Storico della Resistenza e della storia contemporanea di Modena (da ora in poi ISTMO), Archivio Partito Comunista Italiano Federazione di Modena, serie 1303.3, Festa Provinciale de l'Unità 1983, Materiale sciolto, “Presentazione del Festival”, Programma della Festa, Modena, 1983, p.1 6 Lo slogan si rifaceva del risultato delle elezioni europee, di cui si è parlato in Introduzione 7 L'esedra è una disposizione di pannellature in forma semicircolare 8 Sia la Gazzetta dello Sport che l'Unità, il 23 agosto del 1984, definivano la Festa modenese come un secondo villaggio olimpico 9 ISTMO, Archivio Partito Comunista Italiano Federazione di Modena, serie 1303.3, Festa Nazionale l'Unità Sport 1984, “La Festa”, Anteprima programma della Festa, Modena, 1984, p. 1 10
Estratto dalla tesi: Feste de l'Unità a Modena. Cambiamenti e tradizioni socio – politiche dal 1983 al 2007

Estratto dalla tesi:

Feste de l'Unità a Modena. Cambiamenti e tradizioni socio – politiche dal 1983 al 2007

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Raffaele Caterino
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze storiche
  Relatore: Lorenzo Bertucelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 121

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi