Skip to content

Politica economica e sostenibilità del debito pubblico italiano

Estratto della Tesi di Mirko Lezzi

Mostra/Nascondi contenuto.
1. Analisi de lla se r ie stor ic a de l de bito pubblic o italiano 1.2 Il nuovo se c olo: la Gra nde Gue rra e d il pe riodo fa sc ista 23 Ivi , p. 91 Ne gli a nni de ll’imme dia to dopogue rra il ra pporto De bito/PIL c ontinuò a c re sc e re fino a l 1924, ra ggiunge ndo il pic c o ne l 1920, a d un va lore pa ri a 125%, il più a lto di se mpre . Ne l 1922 sa lì a l pote re c ome primo ministro Mussolini, da ndo c osì origine a l ve nte nnio fa sc ista ; il ministro de lle fina nz e , ora ria c c orpa to a que llo de l T e soro, fu Albe rto De ’ Ste fa ni. C ome è possibile nota re da lla T a be lla 1.2.1, ne l te nta tivo di riporta re in a va nz o il bila nc io, fu c ondotta una politic a di forti ta gli de lla spe sa pubblic a (inoltre le spe se di gue rra si a z z e ra rono) e di a ume nto de lle e ntra te ordina rie ; que sto fu pe rme sso sopra ttutto gra z ie a d una le gge de l 1922 c he limita va l’inte rve nto de llo Sta to ne ll’e c onomia e da va a l ministro pie ni pote ri a mministra tivi e tributa ri 23 , c osic c hé ne l bila nc io de l 1925 l’obie ttivo fu ra ggiunto, le e ntra te c orre nti supe ra rono le spe se . L ’e c c e ssiva liquidità pre se nte ne l siste ma e l’e le va ta infla z ione , tutta via , furono proble mi non risolti; il ministro De ’ Ste fa ni fu sostituito ne l 1925 da Giuse ppe Volpi, de c isivo ne l c onc lude re il risa na me nto ita lia no. C on lo sc opo di re nde re a ppe tibile l’Ita lia pe r gli inve stime nti stra nie ri e di ma nte ne re a lto il pre stigio inte rna z iona le ta nto c a ro a Mussolini, e gli si oc c upò de l c onsolida me nto de l de bito fluttua nte (1926), lo Sta to infa tti non e mise B oT fino a l 1935 pe r e vita re un’ulte riore pe rdita di c re dibilità ; de lla re gola z ione de i pre stiti e ste ri di gue rra ; e d infine , de lla riva luta z ione de lla lira ne i c onfronti de lla ste rlina , porta ta a ‘quota 90’ e d a c c e rta ta c on il de c re to de l 1927 c on c ui ve nne rista bilito lo sta nda rd a ure o. Il ra pporto De bito/PIL tra il 1925 e il 1929 si ridusse dra stic a me nte , si a tte stò a va lori di poc o supe riori a l 60%, quota ra ggiunta solo ne i primi a nni de lla na sc ita de l R e gno, c irc a 65 a nni prima . A riprova di c iò, il PIL sfiorò i 140 milioni di e uro. L a gra nde c risi fina nz ia ria de l ’29, pe rò, spa z z ò be n pre sto i fa c ili e ntusia smi. L a porta ta di que sta re c e ssione fu iniz ia lme nte sottova luta ta da l gove rno ita lia no, c he de c ise di non re sta ura re il c orso forz oso, fa vore ndo la sva luta z ione de lla lira . I disa va nz i di bila nc io c he c a ra tte riz z a rono gli a nni 1929 – 1935, la c a duta de l PIL e la politic a a uta rc hic a imposta da l re gime fa sc ista fe c e ro ritorna re il ra pporto a va lori prossimi a l 100%. A tutto c iò, ritorna rono a c ontribuire le spe se di gue rra , da l mome nto c he ne l 1935 fu a vvia ta una de lle c a mpa gne c olonia li più impone nti, il c onflitto in E tiopia , c onc luso c on la proc la ma z ione de ll’Impe ro da pa rte di Mussolini. 11
Estratto dalla tesi: Politica economica e sostenibilità del debito pubblico italiano

Estratto dalla tesi:

Politica economica e sostenibilità del debito pubblico italiano

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Mirko Lezzi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università del Salento
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Finanza
  Relatore: Felice Russo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 79

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

politica economica
sostenibilità
debito pubblico italiano
finanza straordinaria
serie storica
rapporto debito/pil
vincolo di bilancio del governo
politiche fiscali ordinarie
effetti del debito
moltiplicatori fiscali

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi