Skip to content

Il lavoro dei religiosi

Estratto della Tesi di Stefano Nardelli

Estratto dalla tesi: Il lavoro dei religiosi
1.1 Inquadramento generale 9
In tal modo, sostiene BOTTA, « nell’ambito dell’ordinamento dello Stato, la capacità
del religioso resta regolata dalle norme nazionali, sicché il professo può contrarre
matrimonio, riconoscere o adottare figli, e, se infermo di mente, essere interdetto o
inabilitato, al pari di ogni altro cittadino».
33
Prosegue l’A. sottolineando come la qualità
di religioso rilevi « solo allorché il legislatore ritenga opportuno (di propria iniziativa
o in ottemperanza ad accordi internazionali, in specie con la Chiesa) di dettare per i
propri subditi legum, che siano anche religiosi, una disciplina diversa da quella prevista
per gli altri cittadini in alcune fattispecie particolari».
34
Per altri autori,
35
essendo il religioso assoggettato ad un duplice ordinamento, quello
canonico e quello statuale, diventa « inevitabile un raccordo tra i due ordinamenti, che
viene assicurato attraverso il rinvio ricettizio alla normativa canonica. Si possono venire
così a creare diverse situazioni: a) il religioso è assoggettato alle norme canoniche
relative a tale status, che sono indifferenti per lo Stato [...]; b) il religioso, come
cittadino italiano, è assoggettato alla normativa italiana in tutto ciò che è relativo alla sua
condizione civile, prescindendo dalla sua appartenenza ad un Istituto religioso [...]; c)
il religioso è assoggettato alle norme del diritto canonico e, contestualmente, per la sua
diritto civile « prima della professione perpetua, con valore decorrente dal giorno della professione
stessa ».
33
Ivi, 743. Di fronte alla legge civile, « il religioso è pienamente capace, non può rinunciare alla sua
capacità né impegnarsi validamente a non valersene, e s’egli vuole adeguarsi alle leggi canoniche,
deve fare ciò attraverso mandati, o rinunce, o trasferimenti, comunque attraverso atti civilmente validi
che ottengano come risultato ultimo di conformare la situazione patrimoniale del religioso al diritto
della Chiesa»: così JEMOLO, cit. da BOTTA, ibidem.
34
Ivi, 743. In tal senso, si assiste ad una « progressiva parificazione dei religiosi ai cittadini che tali
non sono»; ciò in ragione del fatto che « alla luce dei principi costituzionali e in particolare di
quelli espressi dall’art. 2 Cost., la posizione del religioso nell’ordinamento dello Stato non può altro
esprimere che l’identificazione, in via di sintesi, di una particolare modalità di esercizio della fede,
della realizzazione, cioè, in forma associata della ‘vocazione alla santità’, che ogni Christifidelis è
chiamato ad assolvere». In altri termini, « si tratta di una posizione la cui rilevanza è frutto di un
‘giudizio di meritevolezza’ costituzionale dell’impegno spirituale del cittadino espresso attraverso la
‘professione dei voti’: giudizio il cui esito positivo – ai fini, appunto, della rilevanza della suddetta
posizione personale – è subordinato alla verifica della effettiva realizzazione, in queste forme associate
di esercizio della ‘vocazione alla santità’, della ‘promozione’ della persona umana, che rappresenta,
giusta l’art. 2 Cost., il parametro di ‘meritevolezza’ della tutela, e quindi della rilevanza, di ogni
forma sociale di impegno del cittadino».
35
Luciano RAMACCINI e Luca RAMACCINI, La prestazione lavorativa dei religiosi, Roma, Aracne,
2002.

Estratto dalla tesi:

Il lavoro dei religiosi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Stefano Nardelli
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Macerata
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Giuseppe Rivetti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 149

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

professione religiosa
lavoro subordinato
organizzazioni di tendenza
religiosi
diritto ecclesiastico
religionis causa
ordini e congregazioni religiose
lavoro gratuito
voti povertà obbedienza
affectionis vel benevolentiae causa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi