Skip to content

Fenomeni franosi: dall'analisi alla stabilizzazione

Informazioni tesi

  Autore: Rino Griguoli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università Telematica Guglielmo Marconi
  Facoltà: Scienze e Tecnologie
  Corso: Ingegneria civile e ambientale
  Relatore: Stefania Lirer
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 130

L'Italia è il paese maggiormente interessato da fenomeni franosi con oltre 600.000 frane delle quasi 900.000 censite in Europa.
Questo è il dato più eclatante che viene fuori dall'Annuario dei Dati Ambientali 2016 redatto dall'Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale (ISPRA), dato che ci conferma ciò che si percepisce ogni giorno in Italia.
Proprio questa problematica è alla base della redazione della presente tesi che in modo ampio e approfondito affronta la problematica dall'analisi dei fenomeni franosi alla loro stabilizzazione.
Nel secondo capitolo vengono definiti il dissesto idrogeologico e il concetto di frana con la nomenclatura della stessa. Viene affrontata, poi, la ricerca dei fattori e delle cause scatenanti che rappresentano il primo passo di studio di una frana. Infine vengono descritte le varie classificazioni dei fenomeni franosi basate sui parametri cinematici e geometri, sul tipo di materiale interessato, sul tipo di movimento.
Nel terzo capitolo viene descritta la valutazione del rischio frana che si svolge con il censimento dei fenomeni franosi, la definizione e valutazione del rischio, la gestione dei risultati e le azioni di mitigazione intraprese per ridurre i fattori del rischio che sono elementi, pericolosità, vulnerabilità.
Nel quarto capitolo vengono analizzate le indagini geotecniche che occorrono per caratterizzare i terreni interessati dal movimento franoso. Ne fanno parte l'analisi delle carte geologiche, geomorfologiche e idrogeologiche che inquadrano l'area franosa, le indagini geotecniche vere e proprie con sondaggi, prove di laboratorio e prove in sito, le attività di monitoraggio degli spostamenti e dei livelli di falda.
Nel quinto capitolo viene affrontato il problema della stabilità dei pendii necessaria al fine di poter individuare l'intervento di stabilizzazione più idoneo. Vengono enunciati i principali metodi di analisi dei terreni all'equilibrio limite e in condizioni sismiche.
Nel sesto e ultimo capitolo vengono analizzate le principali tecniche di stabilizzazione dei versanti che comprendono il controllo dell'erosione e la stabilizzazione superficiale, le opere di protezione e sostegno, le opere drenanti e le opere speciali.

Informazioni tesi

  Autore: Rino Griguoli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università Telematica Guglielmo Marconi
  Facoltà: Scienze e Tecnologie
  Corso: Ingegneria civile e ambientale
  Relatore: Stefania Lirer
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 130

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
- 5 - 2.2 Fattori e cause delle frane Nello studio dei movimenti franosi bisogna tener conto sia dei fattori della franosità, ovvero quegli elementi rilevabili e conoscibili prima del verificarsi dell'evento che influenzano l'attitudine alla franosità del terreno, che delle cause scatenanti, ovvero quel complesso di agenti, naturali o antropici, predisponenti e/o innescanti, che provocano l'episodio franoso. 2.2.1 I fattori della franosità I fattori della franosità si distinguono in alcuni relativamente fissi (costituzione geologica, configurazione topografica) ed altri variabili nel tempo e nello spazio (condizioni climatiche, copertura vegetale).  Costituzione geologica: è intesa come litologia, stratimetria, assetto tettonico e giacitura delle rocce. Ad esempio di possono includere nella categoria la struttura delle rocce come la distribuzione interna degli elementi, l'uniformità e l'orientamento secondo piani paralleli; il regime tettonico attuale ossia la presenza di discontinuità tettoniche come faglie e pieghe compresi i terremoti; la giacitura ovvero la disposizione dei piani di discontinuità rispetto alla superficie topografica, che distinguono i versanti in franapoggio inclinati nello stesso senso del pendio e reggipoggio inclinati in senso opposto.  Configurazione topografica: molto influente ai fini della franosità è l'inclinazione della superficie topografica in cui è presente un angolo (di riposo) oltre il quale la roccia da stabile diventa instabile.  Condizioni climatiche: le precipitazioni (pioggia e neve) rappresentano forse il fattore più influente all'innesco di un movimento franoso, sia come infiltrazione superficiale e quindi saturazione e appesantimento dei terreni, che come innalzamento della falda idrica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi