Skip to content

Il gioco d'azzardo in Italia: diffusione, caratteristiche e costi sociali

Informazioni tesi

  Autore: Giulietta Zanga
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Cinzia Meraviglia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 50

L'argomento della tesi è il gioco d'azzardo e in particol modo la sua componente più redditizia: le slot machine. Redditizia in quanto agli introiti statali (ma anche per la criminalità organizzata) da una parte e costo sociale per curarne la dipendenza dall'altra. Qual è quindi il costo sociale del gioco d'azzardo? Tramite un'analisi della sua diffusione geografica e sociale e delle sue caratteristiche si cercherà di dare risposta a questa domanda.

Informazioni tesi

  Autore: Giulietta Zanga
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Cinzia Meraviglia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 50

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione – il gioco d’azzardo Il gioco d’azzardo oggi in Italia ha assunto le caratteristiche di un vero e proprio costume sociale, che produce non solo un’ampia domanda e quindi un’altrettanto ampia offerta, ma che richiama inoltre l’attenzione della società civile per le dimensioni preoccupanti che ha assunto e richiede la necessità di un confronto per tenersi al passo con la sua crescita costante. L’origine del gioco d’azzardo risale all’antichità, con la formazione delle prime popolazioni stanziali, le quali utilizzavano semplici dadi con fini prima religiosi, per prevedere il volere delle divinità, e successivamente ludici. Il termine azzardo deriva infatti dall’arabo “az-zahr”, che significa dado, comunemente ritenuto il primo strumento di gioco. Con il progresso della civiltà anche il gioco d’azzardo si è evoluto, sviluppando strumenti e forme sempre più complesse e diversificate, al punto che a oggi è impensabile riuscire a elencarne ogni varietà. Tuttavia è possibile distinguere tra le categorie d’azzardo più diffuse: scommesse (sportive e non), giochi di carte, giochi di dadi, giochi a estrazione, giochi con apparecchi elettronici. Queste tipologie d’azzardo differiscono tra loro non solamente in merito agli strumenti utilizzati per giocare, ma anche rispetto al fatto che si inseriscano in una dimensione collettiva o individuale. Dal momento in cui il gioco d’azzardo ha perso la propria funzione divinatoria per acquisirne una di divertimento, quest’attività ha sempre comportato la presenza di due o più persone che, tramite modalità diverse, impegnassero il proprio denaro o i propri beni in una scommessa (riguardante un evento da cui queste fossero escluse o relativo alla loro competizione) stipulata con gli altri partecipanti. È solo in tempi recenti, rispetto alla sua lunghissima storia, che il gioco ha assunto una connotazione individuale, dal momento che le persone fisiche, in un certo senso avversarie al giocatore, sono state sostituite da apparecchi elettronici. Il fatto che ora l’azzardo possa essere esercitato anche in solitudine contribuisce a concepirlo meno come “gioco”, elemento che il suo nome ricorda impropriamente, ma che un’esperienza condivisa come una partita a poker può giustificare. Secondo la definizione che ne dà il vocabolario Treccani, un gioco è “qualsiasi attività liberamente scelta a cui si dedichino, singolarmente o in gruppo, bambini o adulti senza altri fini immediati che la ricreazione e lo svago, sviluppando ed esercitando nello stesso tempo capacità fisiche, manuali e intellettive”. Riflettendo su questa definizione si possono riscontrare rilevanti differenze tra le due attività, che mostrano come la parola “gioco” inserita in un contesto come quello dell’azzardo sia altamente fuorviante e come possa mitigare l’effetto di un termine che richiama al rischio e alla pericolosità. Nel gioco d’azzardo infatti il fine ultimo non è il semplice svago, né attraverso questa attività le persone sviluppano o esercitano capacità di alcun tipo. L’obiettivo di chi gioca d’azzardo infatti è inizialmente il guadagno di denaro, mentre in un secondo tempo, nel caso si sviluppi una dipendenza, il fine del giocatore è semplicemente non smettere di giocare, per rimanere in una dimensione nella quale non gli è richiesto affrontare i problemi della quotidianità. Per quanto invece riguarda le capacità che un gioco dovrebbe sviluppare, al giocatore d’azzardo non è richiesto il possesso di alcuna competenza, dato che il risultato finale è sempre influenzato dal caso. Durante una sessione di gioco alle slot machine, al contrario, le capacità fisiche, manuali e intellettive della persona diminuiscono, a causa dell’intorpidimento provocato dalla macchina.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

gioco
gioco d azzardo
slot
azzardo
slot machine
macchinette

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi