Skip to content

Il maestro. Ragioni, risorse, specificità e percezioni di una minoranza

Informazioni tesi

  Autore: Michele Silvi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Macerata
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze della Formazione Primaria
  Relatore: Chiara Sirignano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 136

Lo scopo di questa tesi non è tanto trovare la soluzione di un problema, quanto far luce sulla questione, interrogarsi sui termini del fenomeno e, prima appunto di proporre o meno delle strategie, capire perché sarebbe opportuno o inopportuno farlo. Ci si è concentrati sulla scuola primaria per motivi storici (la scuola materna statale italiana nacque come esclusivamente femminile ed è ozioso domandarsi perché le donne siano ancora la maggioranza) e per l'oggettiva difficoltà di trovare un numero sufficiente di testimoni, dato che su tutto il territorio nazionale i maestri di scuola dell'infanzia sono soltanto 612.
Innanzi tutto ci si è chiesto, nel primo capitolo, quali siano le ragioni del profondo divario di genere nella scuola primaria italiana partendo da una prospettiva storica: si è analizzato il percorso di questa istituzione per scoprire se questo divario fosse una novità o una costante e per individuare eventuali cause remote. Successivamente si è delineata con maggiore precisione la situazione attuale in Italia e fuori, prendendo in considerazione anche le misure proposte in altri paesi per favorire un restringimento della forbice.
Nel secondo capitolo si è cercato di delineare le caratteristiche della figura del maestro per contestualizzare l'analisi mettendo bene a fuoco quelle che sono la funzione docente e la professionalità dell'insegnante. Successivamente, evidenziando le caratteristiche dell'identità maschile, si sono poste le basi per poter ipotizzare quali potrebbero essere le risorse e le specificità legate alla figura del maestro: perché sia importante risollevare la presenza maschile nelle scuole, si è pensato, è evidente che debba servire a qualcosa, debba rappresentare qualcosa di diverso rispetto alla situazione attuale.
Nel terzo capitolo si è, infine, cercato di dar voce ai maestri attraverso una serie di undici interviste atte a scoprire cosa effettivamente pensino i diretti interessati del fenomeno. A poco sarebbe servito produrre una rappresentazione astratta di cosa siano un uomo e un maestro senza coinvolgere dei veri uomini e dei veri maestri che non si limitino ad immaginare come incida la loro presenza sul sistema scolastico ma lo sperimentino ogni giorno. In questa fase, si sono ripercorsi i temi precedenti e si è giunti ad alcune conclusioni soprattutto per quanto riguarda l'individuazione dei nodi più problematici della questione.
Il valore della presenza maschile nella scuola è principalmente quello della diversità, dell'eterogeneità, della possibilità di proporre alle nuove generazioni una gamma di modelli e punti di riferimento che non si appiattisca sulle immagini stereotipate proposte dai mezzi di comunicazione di massa. I maestri sono innanzi tutto persone, uomini (e in quanto tali portatori di un'identità che è anche identità di genere), investiti di una funzione istituzionale, i cui scopi sono la trasmissione della cultura e la formazione umana e critica della personalità degli alunni. Nell'esercizio di tale funzione diventano professionisti autorevoli, capaci di prendersi cura dei bambini nella globalità delle loro esigenze e spesso inclini a favorire lo sviluppo di un'autonomia caratteriale prima ancora che culturale. Possono essere meno portati rispetto alle colleghe a curarsi della sfera affettiva degli alunni attraverso canali comunicativi prettamente corporei (in un distacco che non di rado è però anche conseguenza di una pressione sociale che non vede di buon occhio la vicinanza corporea tra adulto maschio e bambini) ma non si esimono dal prendere parte ai loro giochi. Lavorano in un ambiente dominato da una presenza femminile da cui talvolta possono sentirsi esclusi ma che più spesso li riconosce come garanti di un clima relazionale più disteso, equilibrato e sereno. Sono spesso apprezzati dagli altri frequentanti dell'istituzione scolastica (colleghe, genitori, alunni) in cui inevitabilmente saltano all'occhio, soprattutto quello dei bambini in cui questa presenza inusuale suscita curiosità ma anche timore. Non è raro che ci sia chi ritenga che possano in qualche modo compensare la diffusa carenza di figure maschili autorevoli nelle famiglie, tuttavia è importante sottolineare che non sono padri surrogati perché la loro funzione rimane necessariamente molto diversa da quella genitoriale. Esercitano l'autorità insita nel loro ruolo ma rigettano gli eccessi dello stile autoritario, preferendo proporsi come figure autorevoli che stabiliscono regole dalle finalità chiare e condivisibili piuttosto che arbitrarie e volte ad affermare la loro supremazia personale.
Sono anche pochi, attualmente soltanto il 3,64% del totale degli insegnanti di scuola primaria. Sono pochi da diverso tempo e minoranza (rispetto alle maestre), fin dal 1877 (considerando soltanto la scuola statale, altrimenti già da due anni prima). All'inizio del secolo scorso il fenomeno prese le forme di quella che veniva definita la “crisi magistrale maschile” e la Sinistra Storica, come poi anche il Regime fascista, cercarono di tamponare la diminuzione dei maestri e contrastare la femminilizzazione del corpo docenti che tuttavia non ha mai dato segni di arresto.
L'attuale divario è motivato quindi principalmente da una situazione storica che ha continuato a perpetuarsi: in principio quello del maestro elementare era un mestiere sottopagato, poco prestigioso, vessato se non esplicitamente ostacolato dalle amministrazioni comunali da cui dipendeva. Nel corso del tempo la situazione è sicuramente migliorata ma sono rimasti i segni di una condizione di subalternità rispetto alle classi docenti di altri ordini di scuola, inoltre culturalmente ci si è gradualmente abituati a pensare ad una scuola elementare gestita quasi interamente da donne (e questo ricorsivamente può costituire un ulteriore ostacolo al miglioramento dal punto di vista economico e di prestigio a causa sia delle minori pretese sindacali delle donne, sia dell'associazione tra lavori femminili e mestieri di scarso prestigio). Oggi la situazione economica di un maestro risulta comunque, secondo le statistiche, peggiore rispetto a quella della maggior parte dei lavoratori (maschi) del terzo settore, tuttavia le testimonianze degli intervistati ci dicono che nell'attuale congiuntura socio-economica insegnare alla scuola primaria potrebbe essere in realtà una buona prospettiva lavorativa, tenendo conto dell'attuale insicurezza lavorativa dovuta a questo periodo di crisi. Il prestigio sociale, tuttavia, rimane scarso se non addirittura inferiore rispetto a quello di pochi decenni fa a causa delle sempre crescenti difficoltà nel far valere l'autorità e l'autorevolezza degli insegnanti (che un tempo non sarebbero state messe in discussione) soprattutto nei confronti delle famiglie.
Ulteriore ragione, formulata dai maestri stessi, di questo divario sarebbe uno scarso interesse verso l'insegnamento alle scuole dell'infanzia e primaria dovuto ad una scarsissima consapevolezza dell'importanza dei primi anni di vita per la formazione di una persona, di ciò che effettivamente succede a scuola, di ciò che significhi essere maestri ed insegnare (anche per quanto riguarda le soddisfazioni che si ottengono attraverso questo mestiere).

Informazioni tesi

  Autore: Michele Silvi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Macerata
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze della Formazione Primaria
  Relatore: Chiara Sirignano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 136

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
32 89 D. legisl. 16 aprile 1994, n. 297, “Testo Unico delle disposizioni legislative in materia di istruzione”, art. 395 in GU n. 115 del 19 maggio 1994 – Suppl. Ordinario n. 79. 90 E. DAMIANO, La mediazione didattica. Per una teoria dell'insegnamento , Milano, FrancoAngeli, 2013, p. 107. 91 Idem , p. 142. 2 L A F IG URA DE L M AE ST RO Il ma e stro di c ui si pa rle rà in que sto c a pitolo è c olui c he , ne ll'a mbito de lla sc uola prima ria ita lia na , inc a rna la funz ione doc e nte , «inte sa c ome e splic a z ione e sse nz ia le de ll'a ttività di tra smissione de lla c ultura , di c ontributo a lla e la bora z ione di e ssa e di impulso a lla pa rte c ipa z ione de i giova ni a ta le proc e sso e a lla forma z ione uma na e c ritic a de lla loro pe rsona lità », e d in qua nto ta le si oc c upa non solo de ll'inse gna me nto ma a nc he de l proprio a ggiorna me nto c ultura le e profe ssiona le e de lla «pa rte c ipa z ione a l gove rno de lla c omunità sc ola stic a » a ttra ve rso la pa rte c ipa z ione a lle riunioni de gli orga ni c olle gia li e la c ura de i ra pporti c on i ge nitori 89 . Oltre c he sul ma e stro c ome profe ssionista , tutta via , c i si oc c upe rà de l ma e stro c ome ma sc hio, quindi distinto da lla ma e stra c he c ondivide c on lui lo sta tuto giuridic o. L a le gge na tura lme nte non distingue in a lc un modo le due figure , a sse gna ndo a d e ntra mbe la me de sima funz ione . C i si c hie de pe rò se , ne lla re a ltà de i fa tti e ne lla quotidia nità de lla vita sc ola stic a , possa e sse rc i spa z io pe r l'e spre ssione di una diffe re nz a c he sa re bbe inna nz i tutto que lla tra uomo e donna e c he si tra durre bbe , tra le mura sc ola stic he , ne lla diffe re nz a tra ma e stro e ma e stra . C ome a bbia mo visto, la le gge a sse gna a lla funz ione doc e nte uno spa z io inte rno a ll'a ula (c on que sto te rmine non inte ndo de finire se mplic e me nte la sta nz a in c ui a vvie ne l'inse gna me nto ma qua lsia si a mbie nte in c ui ta le proc e sso pre nde luogo) e uno e ste rno, fa tto di buroc ra z ia e ra pporti c on ge nitori, c olle ghi e supe riori. L o spa z io inte rno a ll'a ula è c a ra tte riz z a to da l proc e sso di inse gna me nto-a ppre ndime nto, in c ui ma e stri e ma e stre oc c upa no un ruolo fonda me nta le sul primo ve rsa nte , l'inse gna me nto, c he possia mo de finire c on Da mia no «l'a z ione c ongiunta di inse gna nti e a lunni intorno a gli ogge tti c ultura li 90 » e c he ha lo sc opo di a ttiva re ne ll'a lunno l'a ppre ndime nto. A que sto proc e sso pre ndono pa rte tre a ttori c he oc c upa no i poli de l tria ngolo di Houssa ye 91 e c he sono l'inse gna nte , l'a lunno e d il sa pe re . Il ma e stro e la ma e stra , ne lla loro a z ione dida ttic a e d e duc a tiva inte rna a ll'a ula , de vono quindi inte ra gire sia c on l'a lunno c he c on il il sa pe re , la c ultura c he la le gge c hie de di tra sme tte re .

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

interviste
diversita
minoranza
maestro
maschio
scuola primaria
specificità
maestra
scuola italiana
educazione omogenea

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi