Skip to content

Il mito di Perseo nelle Genealogie deorum gentilium di Giovanni Boccaccio

Informazioni tesi

  Autore: Jessica Lombardo
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere
  Corso: Italianistica, culture letterarie europee e Scienze Linguistiche
  Relatore: Daniele Pellacani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 162

Il presente lavoro esamina la riscrittura e l’interpretazione boccacciana del mito di Perseo nelle Genealogie deorum gentilium di Giovanni Boccaccio. Il commento analizza i problemi testuali, gli aspetti linguistici e quelli letterari del testo, anche attraverso rimandi intratestuali ad altri capitoli dell’opera. Si approfondisce il modus operandi dello scrittore, nel dettaglio si cerca di far luce sulla consultazione, sull’uso e sulla rielaborazione delle fonti classiche e medievali. Una particolare attenzione è dedicata alle citazioni che fanno menzione di un’autorità e che alcune volte riportano il testo verbatim (ad es. Ovidio, Stazio, Pomponio Mela, Plinio il vecchio, Cicerone), altre volte vi rimandano in modo generico (es. Lattanzio Placido, Quinto Curzio, Eusebio/Girolamo), in alcuni casi presentano un’erronea attribuzione autoriale (es. Anselmo, Girolamo). Nel complesso, l’approccio boccacciano alla materia mitografica risulta nuovo e diversificato: non solo ogni singolo episodio della saga viene scrupolosamente vagliato attraverso continui rimandi alle interpretazioni degli stessi antichi auctores, ma anche l’interpretazione, rifiutando l’impostazione teologico-cristiana praticata nel suo tempo, si orienta su tre metodi tendenzialmente laici: il sensus naturalis, il sensus moralis e il sensus historicus. La vastità delle conoscenze che il Boccaccio ebbe delle letterature e del mondo antico, l’introduzione di riferimenti alla lingua e al mito greco e l’intuizione di un’ideale unità delle due lingue (latino e greco) concorrono a porre Boccaccio alle origini dell’Umanesimo. Rifuggendo dalla tradizione scolastica medievale in cui si inserisce Giovanni dei Bonsignori (che recupera la lezione delvirgiliana) e scostandosi dalla tradizione dell’esegesi sacra-omiletica di cui Bersuire è il principale rappresentante, Boccaccio con la composizione delle Genealogie si colloca all’interno della tradizione degli studia humanitatis attiva nelle scuole e nelle università.

Informazioni tesi

  Autore: Jessica Lombardo
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere
  Corso: Italianistica, culture letterarie europee e Scienze Linguistiche
  Relatore: Daniele Pellacani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 162

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE «Ciò che hai ereditato dai padri, conquistalo per possederlo». G.W. Goethe 1. La mitologia pagana tra Medioevo e Rinascimento. 1.1. La permanenza dell’eredità mitografica attraverso tre diversi modelli interpretativi: l’historiale, il naturale e il morale. La trasmissione attraverso i secoli di forme e culture apparentemente lontane tra loro rappresenta uno dei problemi più interessanti degli studi umanistici. Come fiumi sotterranei, precise esperienze culturali legano tra loro epoche che si è soliti distinguere in maniera schematica, convenzionale e spesso arbitraria. Non è possibile concepire un Medioevo avulso dall’antichità, e il passaggio tra Medioevo e Rinascimento resta, ancora oggi, uno dei temi più dibattuti. Jean Seznec, in un suo celebre volume dal titolo La Survivance des dieux antiques 1 , ha mostrato come l’antichità pagana, alterata nel suo aspetto tradizionale e spesso costretta a servire da involucro di idee morali o speculative, lungi dal ‘rinascere’ nell’Italia del Quattrocento, era sopravvissuta nella cultura e nell’arte medievale: se comunemente si parla della ‘morte degli dei’ alla fine del mondo antico, e poi della loro ‘risurrezione’ all’alba del Rinascimento italiano, è «perché per inveterata consuetudine siamo portati a considerare la tradizione antica da un punto di vista esclusivamente formale: cosicché per noi (…) gli dei del 1 L’opera, pubblicata per la prima volta nel 1940, è divenuta in breve uno dei classici contemporanei della storia delle idee e della civiltà. Il volume è stato tradotto e ristampato più volte: l’edizione a cui rimando è quella del 1980, tradotta in italiano da Giovanni Niccoli e Paola Gonnelli Niccoli.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

giovanni boccaccio
mito di perseo
riscrittura mitologica
citazioni autoriali
interpretazione del mito
rinnovamento della tradizione mitografica
genealogie deorum gentilium
presentimenti preumanistici

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi